Home / Don Mauro Leonardi / Visto/ Fede da marciapiede – La nuda verità. Fino a che punto ci si può mostrare?

Visto/ Fede da marciapiede – La nuda verità. Fino a che punto ci si può mostrare?

Arriva l’estate e sento, soprattutto da signore di una certa età, proteste verso l’abitudine di svestirsi, di indossare costumi che nulla lasciano alla fantasia. Ricorrono frasi come: “Su una cosa i mussulmani hanno ragione, tutti questi corpi nudi d’estate sono uno schifo. Se le donne si coprissero, molte cose brutte non succederebbero”. Per un cattolico fino a che punto spogliarsi è peccato, va contro il senso religioso? 

Il corpo non deve mai essere fonte di vergogna e disagio. Si tratta di un tesoro che va protetto e custodito per far splendere la dignità della persona. Il pudore è l’educazione a percepire quando la proprio intimità è violata. Se sto con chi mi ama posso vivere una nudità che sento non come vergogna ma come bellezza del donarmi; per lo stesso principio, proprio perché so quanto valgo, quando sono con estranei la medesima nudità mi fa vergognare. Vale per il corpo esattamente quello che vale per le parole. A chi mi ama, posso raccontare le mie cose più intime e quel dono della mia intimità crea un legame: invece, le stesse cose raccontate a un estraneo sarebbero percepite da me come una tremenda violazione della mia privacy.


Sottoscrivi i nostri canali Telegram:

@ilgranellino @lodeate

Per ricevere Il Granellino su Telegram leggi l'articolo dedicato , se invece vuoi ricevere tutti gli articoli del Blog escluso il Granellino leggi l'articolo dedicato.

Non si tratta, quindi, in primo luogo di centimetri o di parti del corpo più o meno scoperte, si tratta di scoprire che la nostra persona è un tesoro e per questo, come ogni gioiello, va mostrato solo nel giusto contesto.

Coprirsi e basta non educa a nessuno pudore, anzi essere dannoso. Un indagine di Google afferma che i maggiori fruitori di pornografia in rete sono i paesi in cui la donna gira velata, cioè proprio quelli delle signore citate all’inizio. Seppellire una donna sotto montagne di veli non preserva dalla corruzione dei costumi. Il pudore è frutto della consapevolezza che ogni donna dovrebbe avere di essere bella e non di essere una pignatta colma di nefandezze. Chi si sente bella, si custodisce. Anche in costume. Anche in spiaggia. E dice no a chi la degrada e che la sporca. Perché si sa bella.

Tratto da Visto numero 25 del 13 giugno 2018

Link a Dagospia

Vai alla fonte

I migliori libri di Religione e Spiritualità - I miei libri
LibreriadelSanto.it - La prima libreria cattolica online

Ti potrebbe interessare anche:

FarodiRoma – Francesco e il matrimonio dei giovani. Saper trasfo... Durante la veglia di preghiera di sabato pomeriggio a Roma con 70.000 giovani il Papa parla di sogni. Dice di sognare in tutti i sensi. Non si riferisce solo alle vocazioni al celi...
IlSussidiario – BERTOCCHI-PELLACANI ORO/ Dal trampolino: non sol... Elena Bertocchi e Chiara Pellacani hanno vinto l’oro agli Europei di nuoto in corso a Glasgow nei tuffi sincronizzati dal trampolino dei tre metri. La coppia azzurra ha preceduto n...
Avvenire – E il ricordo si fa oggi Per molti cristiani, le vacanze hanno spesso la componente del ‘fare memoria’. Dopo la giusta presa di distanza dalla vita quotidiana che, magari, ci ha stancato e prosciugato le f...
FarodiRoma – I pomodori di Ciro. Quando i social raccontano l’al... A Scampia, un quartiere dell’estrema periferia di Napoli, Ciro, 14 anni, per aiutare la zia, se ne sta con tre ceste di pomodori all’angolo di una strada per cercare di venderli. N...

Info autore: Mauro Leonardi

Mauro Leonardi
Prete, blogger e scrittore

Ti potrebbe interessare:

FarodiRoma – Francesco e il matrimonio dei giovani. Saper trasformare il sogno in impegno

Durante la veglia di preghiera di sabato pomeriggio a Roma con 70.000 giovani il Papa …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.