Home / Don Mauro Leonardi / Palabra – Papa Francisco: cinco años de pontificado

Palabra – Papa Francisco: cinco años de pontificado

Ho collaborato con la rivista spagnola Palabra in altre occasioni, l’ultima volta il 14 dicembre scorso. Questo è un articolo pubblicato per il numero di marzo. A fondo pagina la versione in spagnolo

A marzo si compiono cinque anni del primo pontificato della storia che si svolge interamente nell’epoca dei social. Paradossalmente la facilità con cui tutti possono diffondere opinioni ha reso il dialogo più difficile: in un’epoca di contrasti e polarizzazioni estreme spesso chi ha punti di vista diversi non discute ma litiga. Il papato è uno degli spazi dove questa dinamica è più evidente: come accadde al padre del figliol prodigo (Lc 15) i nemici del Papa sono i “fratelli grandi”, cioè i “Catholically Correct”. L’accusa più velenosa e dolorosa al Papa è dire che “è divisivo e sta portando la Chiesa verso lo scisma”: affermazione che sarebbe solo una sciocchezza risibile se qualcosa del genere non diventasse un pericolo fondato per colpa di chi sta sui social; gente che lo scisma a parole lo denuncia ma sotto sotto lo crea.
Con ciò non stigmatizzo chi sente l’urgenza di intervenire per salvaguardare la dottrina perché è del tutto lecito farlo: è però importante non giudicare le intenzioni di chi agisce altrimenti e non estrapolare una frase dal contesto. Prendere le distanze da una certa linea per motivi di sensibilità personale è perfettamente legittimo e molto utile perché garantisce che nella Chiesa ci sia unità e molteplicità. È del tutto naturale che persone con moltissimo in comune – come la fede cristiana o la medesima vocazione – possano e debbano, con tutta libertà, pensarla diversamente in questioni opinabili. Per esempio, quando si dice che oggi è più urgente difendere le persone rispetto ai valori, questa opinione che accomuna molti intellettuali (cfr Hadjadj) può non essere gradita da chi ha sempre combattuto per affermare l’importanza dei princìpi. Chi oggi vuole annunciare Gesù è chiamato a stargli vicino con integrità e coraggio, cogliendo la dinamica relazionale tra Cristo e chi Gli era prossimo. I richiami di Francesco ad alcuni assomigliano alle parole di Gesù ai farisei, così come la sua apertura verso le “periferie” ricordano la misericordia, giudicata spesso scandalosa, con cui Gesù si dedicava ai peccatori.


Sottoscrivi i nostri canali Telegram:

@ilgranellino @lodeate

Per ricevere Il Granellino su Telegram leggi l'articolo dedicato , se invece vuoi ricevere tutti gli articoli del Blog escluso il Granellino leggi l'articolo dedicato.

***

En marzo se cumplen cinco años del primer pontificado de la historia que se desarrolla enteramente en la época de las redes sociales. Paradójicamente, la facilidad con que todos pueden difundir opiniones ha hecho más difícil el diálogo: en una época de contrastes y polarizaciones extremas, los que tienen puntos de vista distintos a menudo no debaten, sino que discuten. El papado es uno de los espacios donde esta dinámica es más evidente: como sucede al padre del hijo pródigo (Lc 15), los enemigos del Papa son los “hermanos mayores”, o sea, los “catholically correct”. La acusación más venenosa y dolorosa contra el Papa es decir que “divide y está llevando a la Iglesia hacia el cisma”: afirmación que sería sólo una tontería risible si una cosa semejante no se convirtiera en un peligro fundado por culpa de algunos que están en las redes sociales, gente que denuncia el cisma con las palabras, pero por debajo lo crea.

Con esto no estigmatizo a quien siente la urgencia de intervenir para salvaguardar la doctrina, porque es del todo lícito hacerlo; pero es importante no juzgar las intenciones de quien actúa de otro modo, y no extrapolar una frase del contexto. Tomar las distancias de una cierta línea por motivos de sensibilidad personal es perfectamente legítimo, y muy útil porque garantiza que haya en la Iglesia unidad y multiplicidad. Es del todo natural que personas con muchísimas cosas en común –como la fe cristiana o la misma vocación- puedan y deban, con toda libertad, pensar de manera distinta en cosas opinables. Por ejemplo, cuando se dice que hoy es más urgente defender a las personas respecto a los valores, esta opinión, que acomuna a muchos intelectuales (cfr. Hadjadj), puede no ser bien recibida por quien siempre ha combatido por afirmar la importancia de los principios. Las llamadas de Francisco a algunos se asemejan a las palabras de Jesús a los fariseos, igual que su apertura hacia las “periferias” recuerda la misericordia, considerada con frecuencia escandalosa, con la que Jesús se dedicaba a los pecadores. 

Tratto da Palabra revista

Vai alla fonte

I migliori libri di Religione e Spiritualità - I miei libri
LibreriadelSanto.it - La prima libreria cattolica online

Ti potrebbe interessare anche:

MIO Anno III n. 42/ DON MAURO LEONARDI PARLA CON I LETTORI – I c... Mauro Leonardi (Como, 1959) è stato ordinato sacerdote dal 29 maggio 1988. Vive a Roma presso l’Elis centro di formazione per la gioventù lavoratrice accanto alla parrocchia di san...
METRO – Che cosa significa chiedere scusa Se imparassimo a chiedere scusa fin da dentro le mura di casa nostra, se lo facessimo sul serio, il male non si diffonderebbe. La parola “coraggio” ci fa pensare alle gesta dei gra...
FarodiRoma – Il matrimonio non è il rimedio della concupiscenza La vicenda di don Gianfranco Del Neso, il sacerdote di Ischia che aspetta un figlio e che per questo non potrà più continuare ad esercitare il ministero, ha suscitato i soliti prev...
Agi – Perché consentire a un sacerdote di sposarsi non risolve i... Non sarebbe meglio che i preti si sposassero piuttosto che rimanere celibi? La domanda torna d’attualità dopo che ieri, a Ischia, un parroco, don Gianfranco Del Neso, viene sospeso...

Info autore: Mauro Leonardi

Mauro Leonardi
Prete, blogger e scrittore

Ti potrebbe interessare:

MIO Anno III n. 42/ DON MAURO LEONARDI PARLA CON I LETTORI – I cani sono anche nel Vangelo

Mauro Leonardi (Como, 1959) è stato ordinato sacerdote dal 29 maggio 1988. Vive a Roma …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.