Home / Don Mauro Leonardi / MIO Anno IV n. 2/ DON MAURO LEONARDI PARLA CON I LETTORI – Anno nuovo: ottimismo e fede
don
don

MIO Anno IV n. 2/ DON MAURO LEONARDI PARLA CON I LETTORI – Anno nuovo: ottimismo e fede

Mauro Leonardi (Como, 1959) è stato ordinato sacerdote dal 29 maggio 1988. Vive a Roma presso l’Elis centro di formazione per la gioventù lavoratrice accanto alla parrocchia di san Giovanni Battista in Collatino. È cappellano del Liceo dell’Accoglienza Safi Elis. Da anni pubblica racconti, articoli, saggi e romanzi. Scrive su diverse riviste e quotidiani. Il suo blog è Come Gesù


Caro don Mauro,
ho letto una battuta su Facebook che mi ha fatto riflettere. Diceva: “essere sopravvissuti al 2018 fa curriculum?” Quest’anno personalmente per me è stato una sequela di disastri. Nessuna tragedia, per carità, ma tanti tanti guai. E allora pensare alla possibilità di iniziare un anno nuovo, mi dà speranza e fiducia. (Marco, Pavia)
 


Sottoscrivi i nostri canali Telegram:

@ilgranellino @lodeate

Per ricevere Il Granellino su Telegram leggi l'articolo dedicato , se invece vuoi ricevere tutti gli articoli del Blog escluso il Granellino leggi l'articolo dedicato.

Caro Marco, ti capisco ma pensare all’anno trascorso come a una catena ininterrotta di guai, non è cristiano e mi sembra non sia neppure veramente umano. Ogni fine anno è così: pensiamo sempre che quello trascorso sia stato un anno pessimo e che l’unica cosa che ci rimane da fare è buttare tutto e invece ogni anno trascorso è, come ogni anno, pieno di tutto: sia cose buone che cose cattive. Pensa che la Chiesa ogni fine anno recita un Te Deum di ringraziamento e lo fa a prescindere da come sia andato l’anno. Penso a come potranno recitarlo quei cristiani che si trovano a vivere dove c’è una guerra, o a come l’hanno recitato i nostri nonni durante la seconda guerra mondiale. Non è giusto vedere solo quello che è andato male perché è una visione deformata della realtà e spinge a crogiolarsi nella rassegnazione o nel rimpianto. Si tratta di guardare ciò che è andato bene, imparare da ciò che è stato sbagliato e ripartire: coltivando la dinamica della memoria e della speranza che è una delle chiavi della fede cristiana. Soprattutto, la speranza non è correre verso il futuro fidandosi di un cieco ottimismo ma compiendo i passi positivi, a volte molto piccoli, che si possono compiere. Buon anno nuovo!

Vai alla fonte

I migliori libri di Religione e Spiritualità - I miei libri
LibreriadelSanto.it - La prima libreria cattolica online

Ti potrebbe interessare anche:

Avvenire – Papa Francesco e i giovani: gesti sommessi e tonanti Il Papa ha suggellato ieri a Loreto il Sinodo dei vescovi svoltosi a Roma lo scorso ottobre, firmando sull’altare della Santa Casa l’esortazione apostolica Chistus vivit che conse...
IlSussidiario – NEONATO MORTO DOPO CIRCONCISIONE/ Un rito religi... Spesso le tragedie hanno bisogno di poche parole. Un bimbo di cinque mesi è morto nella notte tra venerdì e sabato all’ospedale Sant’Orsola di Bologna dove era arrivato il pomerig...
Agi – Il razzismo confortevole e la normalità dei bambini La “storia nella storia” della scampata strage di San Donato Milanese è che i bimbi di seconda generazione, decisivi nello sventare l’attentato, non sono ancora italiani, mentre l...
MIO Anno IV n. 12/ DON MAURO LEONARDI PARLA CON I LETTORI – Anch... Mauro Leonardi (Como, 1959) è stato ordinato sacerdote dal 29 maggio 1988. Vive a Roma presso l’Elis centro di formazione per la gioventù lavoratrice accanto alla parrocchia di sa...

Info autore: Mauro Leonardi

Mauro Leonardi
Prete, blogger e scrittore

Ti potrebbe interessare:

don

Avvenire – Papa Francesco e i giovani: gesti sommessi e tonanti

Il Papa ha suggellato ieri a Loreto il Sinodo dei vescovi svoltosi a Roma lo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.