Home / Don Mauro Leonardi / IlSussidiario – INCIDENTE A8/ Madre muore per proteggere le figlie: che fare quando non ci sono ragioni?

IlSussidiario – INCIDENTE A8/ Madre muore per proteggere le figlie: che fare quando non ci sono ragioni?

Una donna muore sulla strada per salvare le sue bambine. Dopo essere stata tamponata in autostrada, Barbara Fettolini ha pensato subito alle due bambine che viaggiavano con lei. È scesa per prendere il triangolo segnaletico e sistemarlo sulla carreggiata, ma è stata travolta e uccisa da un’auto che sopraggiungeva, e con lei sono state investite anche altre due persone: la conducente dell’auto che l’aveva tamponata, a propria volta scesa dall’auto, e un automobilista fermatosi a prestare soccorso. La tragedia è avvenuta martedì sera poco dopo le 20 sull’autostrada A8 «dei Laghi», all’altezza dello svincolo di Rho Fiera Milano, per la Tangenziale Ovest.
La storia di una madre che dà la vita per i propri figli può appartenere alle categoria dei sacrifici normali che ti aspetti, ma in questo caso colpisce che questo atto di grande sacrificio passi per un piccolo gesto di attenzione: mettere il triangolo segnaletico per proteggere i bambini. Questo gesto di misericordia mi dice che l’amore passa per gesti piccoli. Ma rimane invece che un dolore come questo sia inspiegabile e incontenibile anche se i bimbi custoditi da quel piccolo triangolo rimangono una piccola luce che ci rende possibile sostare davanti all’insostenibile. Quando qualcuno perde la vita, la differenza tra sofferenza e disperazione è l’amore che circonda quella vita e, come nel caso di Barbara, l’amore che quella vita è riuscita a donare.
Rimane però che il dolore sia qualcosa d’incomprensibile: se non fosse così non sarebbe, come spiegava Ratzinger, la più grande prova per la fede del cristiano. Bisogna avere il coraggio di dire la verità: il dolore – parlo dei dolori enormi come questo – è, come l’amore, incomprensibile. Facciamo attenzione: è incomprensibile anche per il credente. Con la differenza che il dolore, per il discepolo di Cristo, è una via che si apre alla Verità e all’Amore del Padre. È incomprensibile ma non è qualcosa senza meta: il dolore conduce. Quando accade, occorre avventurarsi. Occorre chiudere gli occhi della mente e aprire il cuore per camminare. Noi uomini, istintivamente, cerchiamo il senso intellettuale del dolore e ci dimentichiamo che, nel dolore, Gesù non ci dà un senso intellettuale ma ci indica una Via. Pare una differenza sottile invece è decisiva. Non dobbiamo capire ma stare con Lui. Il suo Sangue ci guida al Padre. Il dolore senza la croce di Cristo è come un uccello senza ali, gli mancano i mezzi per riconoscersi nella sua identità. Perché il dolore ha un’identità, ha un nome, come le persone. E come l’uomo non conosce se stesso finché non è davanti a Dio, così anche un dolore non si conosce, non si può comprendere, finché l’uomo non è davanti a Dio. Ma non si può dire che un uomo non abbia senso anche se non si comprende la sua vita. Allo stesso modo il dolore, anche quando è incomprensibile e non si può capire, ha il senso di una Via. Maria, di cui celebreremo nei prossimi giorni lo stare accanto alla Croce, ci orienta per aiutarci a percorrere quella Via. Le mani di Maria non erano inchiodate con Gesù cosicché mentre Lui guardava l’umanità, Lei abbracciava l’umanità col suo amore e con quello del Figlio e conduceva l’umanità sulla strada che porta al Padre. Il dolore è la Via percorsa dal Figlio e indicata dal Padre per arrivare a Lui.


Sottoscrivi i nostri canali Telegram:

@ilgranellino @lodeate

Per ricevere Il Granellino su Telegram leggi l'articolo dedicato , se invece vuoi ricevere tutti gli articoli del Blog escluso il Granellino leggi l'articolo dedicato.

IlSussidiario

Vai alla fonte

I migliori libri di Religione e Spiritualità - I miei libri
LibreriadelSanto.it - La prima libreria cattolica online

Ti potrebbe interessare anche:

IlSussidiario – MORTO SUICIDA IL FIGLIO DI LORY DEL SANTO/ Lei v... Sabato prossimo, a Verissimo, Lory Del Santo racconterà a Silvia Toffanin che un mese fa, a 19 anni, suo figlio Loren si è tolto la vita. Dopo essersi chiusa per trenta giorni in u...
IlSussidiario – 15ENNE SCAMBIA FOTO OSÈ/ Con adulto, poi scopre ... Arriva una storia incredibile. Una ragazza di quindici anni della provincia di Bergamo scambia per mesi messaggi erotici e proprie foto osé con un uomo protetto da nickname. Un gio...
IlSussidiario – 15ENNE SCAMBIA FOTO OSÈ/ Con adulto, poi scopre ... Arriva una storia incredibile. Una ragazza di quindici anni della provincia di Bergamo scambia per mesi messaggi erotici e proprie foto osé con un uomo protetto da nickname. Un gio...
METRO – Ingiustizia? C’è la famiglia Viviamo in una società di vincenti. Dobbiamo sempre mostrarci adeguati, forti, resilienti: capaci di fronteggiare le difficoltà come Russell Crowe ne Il Gladiatore. Però, nella rea...

Info autore: Mauro Leonardi

Mauro Leonardi
Prete, blogger e scrittore

Ti potrebbe interessare:

IlSussidiario – MORTO SUICIDA IL FIGLIO DI LORY DEL SANTO/ Lei va al GF Vip, ma il suo dolore è come il nostro

Sabato prossimo, a Verissimo, Lory Del Santo racconterà a Silvia Toffanin che un mese fa, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.