Home / Don Mauro Leonardi / IlSussidiario – GENERO SFREGIATO CON L’ACIDO/ Come il potere guasta l’amore di un padre e di una madre

IlSussidiario – GENERO SFREGIATO CON L’ACIDO/ Come il potere guasta l’amore di un padre e di una madre

Se tua figlia si sposa con un uomo che non ti piace, la cosa migliore da fare è pagare un killer che sfregi il genero. E, se la prima volta non ci riesci e le tue vittime scappano, quello che devi fare è solo scoprire dove si sono rifugiati e riprovarci.

No, non sto raccontando una storia da Isis e affini, ma la terribile tragedia di una ragazza italiana con papà calabrese e mamma siciliana che, però, erano assolutamente contrari al libero matrimonio della figlia con un uomo più grande. Lei, ventenne, non poteva sposare un uomo di 48 anni. Avevano cominciato col danneggiare l’auto con la scritta “pedofilo” per passare a insulti e minacce più gravi.

Poi, il 23 febbraio scorso, c’era stato il primo assalto con l’acido che era fallito e aveva solo ottenuto l’effetto di terrorizzare i due facendoli trasferire da alcuni parenti a Torino. Ma non è bastato. Il 19 aprile l’aggressione con l’acido si è ripetuta con danni gravissimi e permanenti. E no: l’Islam non c’entra nulla, come invece è circolato per colpa delle solite fake news. C’entra solo l’abisso del nostro cuore umano, quello dove l’amore e il potere possono drammaticamente confondersi fino a significare morte e sangue invece che gioia e vita.

Cosa significa vedersi sfigurare l’uomo che si ama da chi dovrebbe amarti e accoglierti sempre prima ancora di conoscere le tue scelte? Come sopravvivere dopo che delle prove schiaccianti dicono che tuo padre e tua madre hanno pagato qualcuno perché deturpasse la persona che ami? Sette minuti dopo l’aggressione il papà aveva scritto alla figlia: “prepara l’abito nero”. Come si vive così giorno dopo giorno, scappando di casa in casa? Cosa può provare una figlia che vede il proprio padre e la propria madre odiare chi ami in modo tanto truculento? Come si vive sperimentando nella propria esistenza una violenza che non conosce ragioni né legami di sangue e di cuore? Una violenza che annulla la vita non solo di chi muore o viene sfregiato ma anche quella di chi sopravvive: della figlia, in questo caso.


Sottoscrivi i nostri canali Telegram:

@ilgranellino @lodeate

Per ricevere Il Granellino su Telegram leggi l'articolo dedicato , se invece vuoi ricevere tutti gli articoli del Blog escluso il Granellino leggi l'articolo dedicato.

Faccio delle domande perché non ho risposte se non quelle di un perdono tanto arduo quanto lontano nel tempo. Chi conosce situazioni di rifiuto simili sa che, chi le attraversa, anche quando dovesse trovare l’amore vero, ne avrà un tale terrore da scappare a gambe levate per la paura. È il terrore di chi ha sperimentato che le braccia di chi dovrebbe amare nascondono invece l’acido che sfigura. Come farà questa ventenne a non convincersi che l’unico comportamento da tenere di fronte a dei genitori è chiudersi, scappare, sottrarsi a coloro che avrebbero dovuto dare luce e invece hanno solo seminato odio?

Un’ultima domanda riguarda la sicurezza del nostro paese. È incredibile infatti ma, come ho scritto, la tragedia avvenuta il 19 aprile aveva avuto un primo tentativo, fallito, il 23 febbraio. Perché la polizia e i carabinieri non sono intervenuti? Perché quei genitori hanno potuto assoldare altri killer e riprovare il loro folle tentativo? Perché sono rimasti a piede libero? Sono domande che, una volta tanto, non interpellano il foro interno delle coscienza ma quello esterno della società, della giustizia, della nostra sicurezza quotidiana, del diritto che ha ciascuno di noi di vivere una vita felice e di assicurarla a chi si ama.

Tratto da IlSussidiario

Vai alla fonte

I migliori libri di Religione e Spiritualità - I miei libri
LibreriadelSanto.it - La prima libreria cattolica online

Ti potrebbe interessare anche:

Palabra – El huevo frito y la santidad Ho collaborato con la rivista spagnola Palabra in altre occasioni, l’ultima volta il 13 marzo scorso. Questo è un articolo pubblicato per il numero di aprile. A fondo pagina la ver...
MIO Anno III n. 20/ DON MAURO LEONARDI PARLA CON I LETTORI – Fed... Mauro Leonardi (Como, 1959) è stato ordinato sacerdote dal 29 maggio 1988. Vive a Roma presso l’Elis centro di formazione per la gioventù lavoratrice accanto alla parrocchia di san...
METRO – I selfie? Sì, ma riavvicinatevi anche Il Papa si preoccupa dei giovani “virtualizzati”, cioè di quei ragazzi che preferiscono farsi un selfie con lui che stringergli la mano. Ma, attenzione, le sue parole non sono la s...
Agi – La forza di un Papa capace di chiedere scusa al mondo per ... Da oggi, 15 maggio, fino al 17, Papa Francesco incontrerà in Vaticano i vescovi cileni per riflettere sulla responsabilità di tutti e di ciascuno rispetto alle ferite devastanti ca...

Info autore: Mauro Leonardi

Mauro Leonardi
Prete, blogger e scrittore

Ti potrebbe interessare:

Palabra – El huevo frito y la santidad

Ho collaborato con la rivista spagnola Palabra in altre occasioni, l’ultima volta il 13 marzo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *