Il Granellino: (Mt 4,18-22)

il granellino
il granellino

“Vieni dietro a me”, mi disse Gesù quando avevo appena 12 anni. E da allora in poi l’ho sempre seguito. Sono prete per vocazione. È Lui che mi ha chiamato ad essere ministro della sua Parola e dell’ Eucarestia. Non ero bello, non era santo e non ero ricco; eppure il suo sguardo si posò su di me. Nel mio cuore c’è stato sempre il Sì per lui. Il cammino vocazionale non fu facile: nel vocazionario si soffriva la fame, il freddo, ma soprattutto la mancanza d’amore e di tenerezza. Man mano che passavano gli anni molti ragazzi ritornavano alle loro case o venivano mandati via dai superiori perché, secondo il loro discernimento, non avevano la vocazione o la chiamata di Dio ad essere sacerdoti. Durante la formazione, alcuni superiori mi stimavano e mi volevano bene ed altri, invece, poiché ero molto vivace, credevano che io non avessi la vocazione al sacerdozio. Nel vocazionario ero l’anima delle attività ricreative. Questo carisma generava molta invidia nei miei compagni. Ma, con tutta sincerità, devo dire che il loro atteggiamento mi ha insegnato molto a perdonare. Dall’età di 16 fino a 21 anni furono anni di grande trasformazione interiore. Il Signore mi ha fatto un grande dono: la costanza. A volte un confratello, forse preso da uno spirito d’invidia, mi diceva candidamente: “Tu non sei più intelligente di me, ma più costante di me”. Ed gli rispondevo: “L’intelligenza senza la costanza realizza poco”. Avevo 21 anni quando i Superiori decisero di mandarmi negli USA per fare gli studi di teologia. Era il 26 agosto 1966. Ero magro. Pesavo 49 kg. Non conoscevo la lingua. In seminario era tutto in Inglese. Ore lunghe di silenzio. Forte impegno nell’apprendere la lingua correttamente. Gradualmente divenni padrone della lingua Inglese. La vita in seminario non era oppressiva come quella vissuta in Italia.
Fui ordinato sacerdote il 30 maggio 1970. Quel mattino piansi molto. Furono lacrime di gioia e di gratitudine verso il Signore. Non mi sono mai pentito di essere sacerdote. Nonostante le delusioni, i dolori, le tentazioni, le cadute, i “no” che ho detto al Signore, oggi sono ancora sacerdote e lo zelo per la casa del Signore mi divora. Prega per me perché la mia vocazione e la mia elezione si rafforzino sempre più.
Anche tu sforzati di andare dietro a Gesù. Egli ti sta preparando una mensa di gioia, pace e amore sotto gli occhi dei tuoi nemiciGrazie.
Amen. ALLELUJA.
(P. Lorenzo Montecalvo dei Padri Vocazionisti)

Dona

Aiutaci con una donazione, con un tuo piccolo contributo ci aiuterai a mantenere in vita il nostro sito web e ad attivare nuovi servizi. Grazie, Dio ti benedica!

Lode a Te App

Lode a Te App

Lode a Te App è un app semplice che raccoglie articoli, catechesi, video, audio, podcast, in un unica e app completamente GRATUITA! L’app è compatibile con tutti i dispositivi Android

Scarica Lode a Te App per Android

Video Recensione del mio libro

Informazioni su Luciano Del Fico 16866 Articoli
A partire da marzo 2013 un vero e proprio cambiamento comincia nella sua vita, da quel momento comincia per lui una vera conversione. Per ringraziare Gesù dei doni ricevuti, si occupa del sito web della sua parrocchia, poi crea un ebook di preghiere e novene che trovate su Amazon, infine crea Lodeate.it per diffondere la Parola di Gesù!