Home / Il Granellino / Il Granellino: (Mt 11,25-27)

Il Granellino: (Mt 11,25-27)

C’è una teologia che viene dai libri e una teologia che viene dall’alto. Spesso, anzi molto spesso la teologia che viene dai libri non è luce per la mente e fuoco d’amore per il cuore. La scienza teologica che si riceve dai libri è solo informazione e non esperienza.
Qual è la cattedra che ci dona la teologia che viene dall’alto? I dottori della Chiesa ci dicono che tutto quello che ci hanno tramandato è frutto della preghiera. La preghiera ci rende cherubini, cioè conoscitori diretti delle verità eterne e ci rende anche serafini, cioè conoscitori diretti dell’amore di Dio Trinità. Senza la preghiera del cuore l’uomo non entra nel cuore di Dio per conoscere e sperimentare il suo amore infinito.
A chi il Signore rivela la sua natura divina? La rivela solo ai semplici di cuore. Quindi un uomo, senza aver frequentato una facoltà teologica, può avere la grazia di capire con la mente e sentire nel cuore quello che è nascosto a tanti professori di teologia. Spesso mi capita che, durante la direzione spirituale, esulto di gioia perché mi si racconta, da persone che non hanno mai studiato teologia, cose sublimi circa le realtà del cielo. Il loro racconto delle esperienze mistiche fatte durante momenti forti di preghiera conferma quello che ho studiato sui libri o letto nella vita dei santi.
Ho davanti a me una immagine di Santa Caterina da Siena che è stata proclamata dottore della Chiesa perché nei suoi scritti parla in maniera sublime delle realtà del cielo. Santa Caterina non aveva una laurea in teologia, ma aveva una relazione personale e vivente con ogni Persona della Trinità.
Lo Spirito Santo è il testimone delle cose del cielo. Prima della Pentecoste gli apostoli erano stolti e tardi di cuore nel credere agli insegnamenti di Gesù, ma, con la discesa dello Spirito Santo, Spirito di verità, ricevettero tutta la verità dell’Incarnazione, Nascita, Passione, Morte, Risurrezione e Ascensione di Gesù Cristo. Per loro Gesù Cristo non era più un mistero. La loro mente fu aperta a tutto ciò che Scribi e Farisei si rifiutarono di credere, nonostante che fossero insigniti del titolo di ‘dottore della legge’. Amen. Alleluia.
(P. Lorenzo Montecalvo dei Padri Vocazionisti)


Sottoscrivi i nostri canali Telegram:

@ilgranellino @lodeate

Per ricevere Il Granellino su Telegram leggi l'articolo dedicato , se invece vuoi ricevere tutti gli articoli del Blog escluso il Granellino leggi l'articolo dedicato.

P.S. Leggi IL GRANDE REGISTA e comprenderai che il Signore sta facendo un capolavoro della tua vita. Per richiederlo, telefona ai seguenti nuneri: 3313347521‬ – ‭3493165354

Ti potrebbe interessare anche:

Il Granellino: (Mt 19,13-15) Oggi bisogna usare la parola "neonato" e non "bambino". Il bambino oggi, per quello che vede e sente, a due anni è già malizioso. Gesù accoglie e benedice i neonati ed esorta gli a...
Il Granellino: (Mt 19,3-12) "Oggi ti amo, domani non lo so", è lo slogan di questa generazione. Così ci si sposa con la mentalità che il matrimonio non è per sempre, cioè unico e indissolubile. Ovviamente que...
Il Granellino: (Mt 18,21-19,1) Per molti cristiani le due frasi più difficili da dire sono: 'Ti perdono' e 'Perdonami'. Desidero testimoniarti che, pur avendo una personalità forte, per grazia di Dio non mi è st...
Il Granellino: (Lc 1,39-56) Se sarai pieno di grazia divina, quando 'sorella morte' verrà a farti visita, il passaggio dell'anima da questo mondo all'altro sarà dolce e sereno. Il corpo però subirà la corruzi...

Info autore: Padre Lorenzo Montecalvo

Sacerdote, scrittore, autore de "Il Granellino".

Ti potrebbe interessare:

Il Granellino: (Mt 19,13-15)

Oggi bisogna usare la parola “neonato” e non “bambino”. Il bambino oggi, per quello che …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.