Home / Il Granellino / Il Granellino: (Mt 10,7-13)

Il Granellino: (Mt 10,7-13)

Le cose di Dio non si vendono. Neppure si comprano. “Gratuitamente avete ricevuto, gratuitamente date” dice il Signore. Purtroppo, quando le relazioni umane sono fondate sull’amore verso il danaro, tutto ha un costo. Quando questo accade nella Chiesa, essa diventa un mercato. La ricchezza spirituale viene dall’alto gratuitamente e dev’essere dispensata gratuitamente.
Esiste ancora la simonia nella Chiesa? Anzitutto, cos’è la simonia? Leggiamo negli Atti degli Apostoli che Simone il mago, vedendo Pietro che faceva miracoli e prodigi nel nome di Gesù, gli chiese quanto danaro volesse per comunicargli il carisma che aveva. Ma Pietro lo mandò via rivolgendogli parole molto dure.
Nel mio lungo ministero sacerdotale ho notato che certi “cristiani”, quando vengono a sapere che un uomo di fede ha dei carismi speciali sono disposti a fargli stravaganti offerte in danaro per ottenere qualche favore dal cielo. Se l’uomo carismatico non è forte nella fede, cade facilmente nella tentazione di affezionarsi al danaro. E finirà male.
Noto anche che ci sono “cristiani” che si recano ai santuari offrendo oro e argento per ricevere qualche grazia. Sì, ci sono “cristiani” che, nella loro ignoranza, praticano la simonia. Questo non è cristianesimo, ma paganesimo. E ci sono ancora molti pagani nella Chiesa. Anche tra il clero ce ne sono alcuni, purtroppo.
Nel passato molti ricchi, dopo aver vissuto una vita dissoluta, lasciavano i loro beni materiali alla Chiesa pensando di conquistarsi il Paradiso. Il Paradiso l’ha conquistato gratuitamente Gesù Cristo per noi.
Qualche lettore mi chiede: “Padre, quanto chiedi per venire a predicare nella mia parrocchia?”. Ed io: “Niente. Però ricordati che non viaggio gratis in treno”. Certo, l’operaio è degno della sua mercede, come ci ricorda Gesù.
L’amore non si compra né si vende. Esso è un dono dato e ricevuto gratuitamente.
Il “do ut des” nelle relazioni spirituali con il Signore e con il prossimo è simonia. Ed è un grave peccato. Amen. Alleluia.
(P. Lorenzo Montecalvo dei Padri Vocazionisti)


Sottoscrivi i nostri canali Telegram:

@ilgranellino @lodeate

Per ricevere Il Granellino su Telegram leggi l'articolo dedicato , se invece vuoi ricevere tutti gli articoli del Blog escluso il Granellino leggi l'articolo dedicato.

P.S. Per imparare la preghiera del cuore richiedi la PERLA PERDUTA di padre Lorenzo si seguenti numeri ‭331 3347521‬ – ‭340 6275715‬
Per imparare a vivere in Comunità richiedi COMUNITÀ o COMODITÀ di padre Lorenzo.

Ti potrebbe interessare anche:

Il Granellino: (Mt 6,19-23) Mentre celebravo, vidi GINA (nome fittizio) uscire dalla Chiesa frettolosamente. Dopo alcuni giorni incontrai GINA e le chiesi: "Cos’è successo domenica scorsa?". E la risposta: “P...
Il Granellino: (Mt 6,7-15) Quando si dice: abbiamo fatto una bella preghiera, a mio avviso, è stata una preghiera non gradita a Dio. La preghiera dev'essere semplice, breve, diretta, fiduciosa e insistente. ...
Il Granellino: (Mt 6,1-6.16-18) Gesù non ci esorta a non digiunare, a non fare l'elemosina e a non pregare, ma ci esorta a compiere questi atti di religione con purezza di spirito e senza ostentazione. Il desider...
Il Granellino: (Mt 5,43-48) Chi è il tuo nemico? Forse tuo marito che ti ha tradito? Se ti professi cristiana, sei chiamata ad amarlo. Forse tua moglie che è incapace di dirti e farti parole e gesti di tener...

Info autore: Padre Lorenzo Montecalvo

Sacerdote, scrittore, autore de "Il Granellino".

Ti potrebbe interessare:

Il Granellino: (Mt 6,19-23)

Mentre celebravo, vidi GINA (nome fittizio) uscire dalla Chiesa frettolosamente. Dopo alcuni giorni incontrai GINA …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.