Home / Il Granellino / Il Granellino: (Mc 9,2-10)

Il Granellino: (Mc 9,2-10)

Il monte, nella Bibbia, è il simbolo della santità. Quindi la santità è un monte da scalare. Ed è una operazione faticosa. Non è affatto una dolce e riposante passeggiata in pianura verdeggiante. Salendo il monte si fatica e si suda. Solo quando si arriva alla sommità del monte si gusta un meritato riposo e si esclama con gioia: “Che bello!”. L’aria è pura e si respira a pieni polmoni. Dall’alto si contempla un panorama grandioso. Si è avvolti in un grande silenzio. Si ha la forte sensazione che Dio è vicino. Lo Spirito Santo ti spinge a dire: “Grazie, Signore, per tutte le bellezze del creato!”.
Le ore o i giorni spesi su un alto monte ti rigenerano non solo fisicamente, ma anche spiritualmente. Tutto questo lo dico per esperienza personale perché anni addietro una coppia di amici mi conduceva sui monti dell’Alta Badia. Da solo non avrei potuto recarmi su quei monti perché era abbastanza costoso. In questi anni di cammino spirituale ho capito una grande verità: da solo, nonostante i miei sforzi, non riuscirò mai a salire il monte della santità se Gesù non mi conduce. All’inizio del Vangelo odierno Luca dice che Gesù condusse Pietro, Giacomo e Giovanni su un alto monte. Oggi Gesù dice a me e a te che senza di Lui è una impresa impossibile raggiungere la cima del monte della santità. La presunzione che ci spinge a salire da soli ci fa rotolare giù continuamente. È l’esperienza che faceva la piccola e grande Santa Teresina del Bambino Gesù. Mentre pensava di trovarsi su una considerevole altezza del monte, all’improvviso, per debolezza, si trovava di nuovo ai piedi del monte. Un giorno, mentre osservava un ascensore che portava le persone ai piani superiori, ebbe dall’alto una ispirazione: “Gesù sarà l’ascensore che mi condurrà sul monte della santità!”.
Come una neonata si mise tra le braccia di Gesù e in poco tempo fu trasfigurata in Gesù. Lo Spirito Santo le fece la grazia di vedere e gustare il mondo soprannaturale in poco tempo. Com’è vero che senza Gesù non possiamo fare nulla di santo. Amen. Alleluia.
(P. Lorenzo Montecalvo dei Padri Vocazionisti)


Sottoscrivi i nostri canali Telegram:

@ilgranellino @lodeate

Per ricevere Il Granellino su Telegram leggi l'articolo dedicato , se invece vuoi ricevere tutti gli articoli del Blog escluso il Granellino leggi l'articolo dedicato.

P.S. La lettura e la meditazione del libro IL GRANDE REGISTA è un grande aiuto per salire il monte della santità. Per richiederlo, telefonare ai seguenti numeri ‭331 3347521‬ – ‭3493165354.

Ti potrebbe interessare anche:

Il Granellino: (Mt 19,13-15) Oggi bisogna usare la parola "neonato" e non "bambino". Il bambino oggi, per quello che vede e sente, a due anni è già malizioso. Gesù accoglie e benedice i neonati ed esorta gli a...
Il Granellino: (Mt 19,3-12) "Oggi ti amo, domani non lo so", è lo slogan di questa generazione. Così ci si sposa con la mentalità che il matrimonio non è per sempre, cioè unico e indissolubile. Ovviamente que...
Il Granellino: (Mt 18,21-19,1) Per molti cristiani le due frasi più difficili da dire sono: 'Ti perdono' e 'Perdonami'. Desidero testimoniarti che, pur avendo una personalità forte, per grazia di Dio non mi è st...
Il Granellino: (Lc 1,39-56) Se sarai pieno di grazia divina, quando 'sorella morte' verrà a farti visita, il passaggio dell'anima da questo mondo all'altro sarà dolce e sereno. Il corpo però subirà la corruzi...

Info autore: Padre Lorenzo Montecalvo

Sacerdote, scrittore, autore de "Il Granellino".

Ti potrebbe interessare:

Il Granellino: (Mt 19,13-15)

Oggi bisogna usare la parola “neonato” e non “bambino”. Il bambino oggi, per quello che …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.