Home / Il Granellino / Il Granellino: (Lc 7,11-17)

Il Granellino: (Lc 7,11-17)

GESÙ è un evangelizzatore itinerante. Non è un parroco che aspetta la gente nel suo ufficio parrocchiale per confortarla, istruirla e rafforzarla nella fede. Gesù è un parroco sempre in uscita. Egli va incontro alla gente. Egli non si scontra con la gente, ma la incontra, sempre pronto ad asciugare le lacrime di chi piange, a dare speranza a chi si sente disperato, dare la vita a chi si sente morto e la vista a chi è cieco, ad ascoltare chi è senza voce. Gesù è un parroco che non ama stare seduto comodamete sulla poltrona. Egli esce dal suo ufficio parrocchiale anche quando fa caldo o freddo, piove o nevica. La sua missione è di attirare gli uomini alla conoscenza del vero Dio. Mosso da un grande spirito di compassione, è sempre in cammino per le strade della parrocchia perché è consapevole che chi vede Lui vede il Padre e chi ascolta Lui ascolta il Padre.
Oggi Gesù si imbatte in un corteo funebre: viene portato alla sepoltura dell’unico figlio di una vedova. Non passa diritto, con indifferenza. Appena la vede, il Signore ne ha compassione e le dice: “Non piangere!”. Infatti, Gesù fa risorgere il giovane e lo restituisce alla madre.
Questo mondo è davvero una valle di lacrime. Ovunque ti giri, incontri gente che piange, soffre ed è senza speranza.
La compassione di Gesù è infinita e la stessa compassione deve dimorare nel cuore del parroco. Il parroco non può e non deve rimanere indifferente dinanzi a gente che soffre in questa valle di lacrime. Il Sacerdote – diceva il Curato d’Ars- è l’amore del cuore di Gesù. Se il parroco è ricolmo di compassione divina non si reca prima di tutto dove si balla, si beve e si mangia da gaudenti, ma va in fretta dove si piange, si soffre la solitudine forzata e si vive senza speranza. Al ministro di Dio il mondo chiede di essere presente dove c’è la morte perché porti la vita.
Il Signore esorta i suoi discepoli con queste parole: “Andate e portate speranza dove c’è disperazione, amore dove c’è odio. Cambiate le lacrime di dolore in lacrime di gioia”. Amen. Alleluia.
(P. Lorenzo Montecalvo dei Padri Vocazionisti)


Sottoscrivi i nostri canali Telegram:

@ilgranellino @lodeate

Per ricevere Il Granellino su Telegram leggi l'articolo dedicato , se invece vuoi ricevere tutti gli articoli del Blog escluso il Granellino leggi l'articolo dedicato.

Ti potrebbe interessare anche:

Il Granellino: (Lc 3,10-18) Attenzione quando parliamo della misericordia di Dio perché possiamo confondere quelli che ci ascoltano o ci leggono. Io personalmente credo fermamente nella misericordia di Dio. S...
Il Granellino: (Mt 17,10-13) A dire il vero tutti i battezzati nella Chiesa di Cristo hanno ricevuto la missione di essere profeti nella generazione in cui vivono. A cosa posso paragonare il profeta di Dio? A ...
Il Granellino: (Mt 11,16-19) San Carlo Borromeo, uomo austero, non condivideva affatto la santità di San Filippo Neri, uomo gioviale, sorridente e allegro. Ognuno di noi incarna una pagina del Vangelo. Ciò, pe...
Il Granellino: (Mt 11,11-15) Ci sono due tipi di violenza: una distrugge e l'altra edifica. Il tipo di violenza che distrugge si chiama ‘ira’. L'ira è un sentimento diabolico che scaturisce dal cuore dell'uomo...

Info autore: Padre Lorenzo Montecalvo

Sacerdote, scrittore, autore de "Il Granellino".

Ti potrebbe interessare:

Il Granellino: (Lc 3,10-18)

Attenzione quando parliamo della misericordia di Dio perché possiamo confondere quelli che ci ascoltano o …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.