Home / Il Granellino / Il Granellino: (Lc 6,20-26)

Il Granellino: (Lc 6,20-26)

“Guai a voi quando tutti parlano bene di voi”, dice Gesù guardando i suoi discepoli. Che senso hanno oggi queste parole di Gesù per me e per te? Devo dire che non tutti comprendono le suddette parole. Tutti noi vogliamo essere stimati e amati. Se qualcuno non ci stima e non ci ama, non ci sentiamo BEATI. Così la tristezza ci prende. Non vogliamo essere messi da parte, ma vogliamo essere considerati buoni, intelligenti e amabili. Non vogliamo perdere l’amicizia di nessuno. In famiglia, in convento e nella comunità parrocchiale vogliamo che tutti dicano di noi: “Che bravo uomo o che brava donna!”. Ovviamente, per il piacere di essere stimati e amati da tutti, dobbiamo vivere secondo il proverbio che dice: “Lega l’asino dove vuole il padrone!”.
Una volta un membro di una parrocchia mi disse: “Padre, il vescovo ci ha mandato un santo sacerdote. È amabile. È gioioso. Accontenta tutti.”. Qualche anno dopo si venne a sapere che, per quel prete, niente era peccato. Infatti, nella sua Chiesa i divorziati, i conviventi e le coppie omosessuali potevano ricevere la comunione; i fidanzati potevano tranquillamente ricevere la comunione pur non vivendo castamente il fidanzamento e così via.
Se vogliamo essere amici di Gesù, non possiamo e non dobbiamo dire Sì quando si deve dire No e non dobbiamo dire No quando si deve dire Sì. Il cristiano non è diplomatico. Non ha paura di essere perseguitato a causa delle verità. Il profeta di Dio si indigna dinanzi alla menzogna, all’ingiustizia e alla immoralità. Mascherare la Verità per essere accolto da tutti è uccidere la beatitudine evangelica nel proprio cuore.
“Padre Lorenzo, _ mi si dice spesso_ se dico sempre la verità, poi rimango solo”. Quante volte sono rimasto solo per dire la Verità! Quante volte mi è stato detto di essere antipatico perché dicevo la Verità! Devo dire però che il Signore non mi ha mai lasciato solo perché, come ricompensa, ha alitato lo Spirito di conforto su di me facendomi sentire una gioia profonda. Amen. Alleluia.
(P. Lorenzo Montecalvo dei Padri Vocazionisti)


Sottoscrivi i nostri canali Telegram:

@ilgranellino @lodeate

Per ricevere Il Granellino su Telegram leggi l'articolo dedicato , se invece vuoi ricevere tutti gli articoli del Blog escluso il Granellino leggi l'articolo dedicato.

PS: SOLO a SOLO, CHE IO VEDA, SIGNORE! e LA PERLA PERDUTA sono libri di P. Lorenzo che trattano il tema della preghiera. Per richiederli, chiama ai questi numeri: 331 334 75 21 – 349 316 53 54.

Ti potrebbe interessare anche:

Il Granellino: (Mt 9,9-13) Il banco delle imposte è il luogo del potere economico. A mio avviso, il primo potere che l'uomo cerca (spesso anche in maniera disonesta) è quello economico. L'uomo cade facilment...
Il Granellino: (Lc 7,36-50) Chi ha ricevuto amore e non manifesta gratitudine alla persona dalla quale è stata amato, ha un cuore indurito. L'ingratitudine è un sentimento che appartiene ai superbi di cuore. ...
Il Granellino: (Lc 7,31-35) Chi ha deciso di non dire SÌ a Cristo trova sempre un alibi per dire NO. "Giorgio, ieri sera ti aspettavo all'ascolto della catechesi. Come mai non sei venuto?". La risposta: "Non ...
Il Granellino: (Lc 7,11-17) GESÙ è un evangelizzatore itinerante. Non è un parroco che aspetta la gente nel suo ufficio parrocchiale per confortarla, istruirla e rafforzarla nella fede. Gesù è un parroco semp...

Info autore: Padre Lorenzo Montecalvo

Sacerdote, scrittore, autore de "Il Granellino".

Ti potrebbe interessare:

Il Granellino: (Mt 9,9-13)

Il banco delle imposte è il luogo del potere economico. A mio avviso, il primo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.