Home / Il Granellino / Il Granellino: (Lc 24,35-48)

Il Granellino: (Lc 24,35-48)

Nelle comunità neocatecumenali, che io ho conosciuto molto da vicino, subito dopo la proclamazione della Parola di Dio c’è un tempo in cui i fratelli, mossi dallo Spirito fanno la ‘risonanza’. Cos’è la risonanza? È il racconto di un fatto personale che riguarda l’incarnazione nella propria vita della Parola ascoltata. La risonanza, se è vera, dimostra come la Parola di Dio non è disincarnata dalla nostra storia personale e sociale. La risonanza, se non è una elucubrazione teologica (molto spesso lo è), ha un altro fine: quello di far crescere la fede della comunità nella Parola di Dio.
I discepoli di Emmaus, dopo aver fatto l’esperienza del Risorto, ritornando a Gerusalemme, raccontano con gioia nella comunità dei discepoli quello che hanno udito e visto.
Quello che, gradualmente, è venuto a mancare nella Chiesa è stato proprio il racconto di quello che Gesù ha compiuto nella nostra vita. A mio avviso, questo è avvenuto per due motivi: il primo è dovuto alla mancanza della proclamazione e l’ascolto della Parola di Dio. Il secondo è che, lungo i secoli si è perso il senso della comunità cristiana. Grazie al Concilio Vaticano II, gli ultimi Papi hanno esortato i parroci a fare della parrocchia una comunità di piccole comunità dove i membri si conoscono tra di loro, si chiamano per nome e si amano gli uni gli altri. E si incoraggiano vicendevolmente raccontando con sincerità le meraviglie che il Risorto ha operato nella propria vita. Quando la risonanza è sincera e non si dicono sciocchezze (come spesso avviene), dalla comunità in preghiera si eleva un canto di lode e di benedizione al Signore che continua a convertire i cuori e a concedere il perdono dei peccati.
Il Signore comanda ai suoi discepoli di cominciare a raccontare e a predicare la conversione del cuore e il perdono da Gerusalemme. Che significa questo? Significava che l’evangelizzazione viene fatta prima in famiglia e nella propria comunità. Amen. Alleluia.
(P. Lorenzo Montecalvo dei Padri Vocazionisti)


Sottoscrivi i nostri canali Telegram:

@ilgranellino @lodeate

Per ricevere Il Granellino su Telegram leggi l'articolo dedicato , se invece vuoi ricevere tutti gli articoli del Blog escluso il Granellino leggi l'articolo dedicato.

PS: Ringrazio di cuore tutti quei lettori che m’inviano parole di incoraggiamento nel continuare la mia missione.

Ti potrebbe interessare anche:

Il Granellino: (Gv 10,1-10) Spesso, girando per la predicazione, sapendo la mia età e i miei acciacchi fisici, da molte persone mi viene chiesto con meraviglia: "Chi ti dà tutta questa forza?". Ed io rispondo...
Il Granellino: (Gv 10,11-18) Il 25 di questo mese compio 73 anni. In questa domenica del Buon Pastore vorrei pregare con Davide, il pastore prediletto di Dio. Signore, sei il mio Buon Pastore. Fin dalla mia n...
Il Granellino: (Gv 6,60-69) "Questo linguaggio è duro", dicono i discepoli a Gesù. Molti si allontanano dalle chiese, soprattutto perché non accettano la morale cristiana. Si dice che i tempi sono cambiati e ...
Il Granellino: (Gv 6,52-59) Ti pongo una domanda: "Perché ti professi cristiano?". Sono certo che la tua risposta è la seguente: "Sono cristiano perché credo in Cristo". Ma cosa implica credere in Cristo? Imp...

Info autore: Padre Lorenzo Montecalvo

Sacerdote, scrittore, autore de "Il Granellino".

Ti potrebbe interessare:

Il Granellino: (Gv 10,1-10)

Spesso, girando per la predicazione, sapendo la mia età e i miei acciacchi fisici, da …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *