Home / Il Granellino / Il Granellino: (Lc 17,7-10)

Il Granellino: (Lc 17,7-10)

In ogni tempo, luogo e circostanza dobbiamo sempre sentirci servi del Signore, l’unico Padrone della nostra vita. Non dobbiamo mai dire: “Ho fatto il mio dovere. Ora basta. Non mi devo sentire più in obbligo verso di Lui. Posso rilassarmi”. Nonostante quello che facciamo per il Signore, Egli non può essere un nostro debitore.
Una relazione con il Signore basata sul “do ut des” è dei pagani. Agli occhi del Signore siamo sempre debitori. Non lo dimentichiamo. Qualunque cosa dai o fai per il Signore è sempre troppo poco.
Nel servire il Signore non c’è posto per l’orgoglio. Mai dire: “Io ho fatto grandi cose per il Signore” ma: “Grandi cose ha fatto in me il Signore!”. Non dimentichiamo mai che tutto ciò che di bello e di buono che riusciamo a fare è sempre opera del Signore.
Dobbiamo servire il Signore nella gioia, sempre contenti nell’essere al servizio del Signore. Servire il Signore è un grande privilegio. Lungi da noi il servire il Signore per dovere o per paura. Il Padrone non si compiace del servo che mette il piatto a tavola con il volto triste. Bisogna seguire l’esempio di San Filippo Neri che lavorava per il Signore con un cuore che scoppiava di gioia.
Sai cosa accade quando serviamo il Signore con umiltà, fedeltà e gioia? Accade che il Signore si mette al nostro servizio. Sarà Lui a lavarci i piedi. Sarà Lui a servire noi a tavola. Sarà Lui a venire da noi chiedendoci: “Amico. Cosa posso fare io per te?”.
Perchè il Padre ha dato a Gesù ogni potere in cielo e in terra? Perchè Gesù ha servito il suo e nostro Padre celeste nella fedeltà, nell’unità e nella gioia in ogni circostanza della sua vita. Che la nostra relazione con il Padrone della nostra vita non sia basata sulla meritocrazia. Dobbiamo arrivare a dire: “Signore, non sono neppure degno di lavorare per te”.
Quando Giovanni Battista vide Gesù, disse ai presenti: “Non sono degno neppure di sciogliere e slegare i lacci dai suoi piedi”.
AMEN. ALLELUIA.
(P. Lorenzo Montecalvo dei Padri Vocazionisti)


Sottoscrivi i nostri canali Telegram:

@ilgranellino @lodeate

Per ricevere Il Granellino su Telegram leggi l'articolo dedicato , se invece vuoi ricevere tutti gli articoli del Blog escluso il Granellino leggi l'articolo dedicato.

Ti potrebbe interessare anche:

Il Granellino: (Mt 6,19-23) Mentre celebravo, vidi GINA (nome fittizio) uscire dalla Chiesa frettolosamente. Dopo alcuni giorni incontrai GINA e le chiesi: "Cos’è successo domenica scorsa?". E la risposta: “P...
Il Granellino: (Mt 6,7-15) Quando si dice: abbiamo fatto una bella preghiera, a mio avviso, è stata una preghiera non gradita a Dio. La preghiera dev'essere semplice, breve, diretta, fiduciosa e insistente. ...
Il Granellino: (Mt 6,1-6.16-18) Gesù non ci esorta a non digiunare, a non fare l'elemosina e a non pregare, ma ci esorta a compiere questi atti di religione con purezza di spirito e senza ostentazione. Il desider...
Il Granellino: (Mt 5,43-48) Chi è il tuo nemico? Forse tuo marito che ti ha tradito? Se ti professi cristiana, sei chiamata ad amarlo. Forse tua moglie che è incapace di dirti e farti parole e gesti di tener...

Info autore: Luciano Del Fico

A partire da marzo 2013 un vero e proprio cambiamento comincia nella sua vita, da quel momento comincia per lui una vera conversione. Per ringraziare Gesù dei doni ricevuti, si occupa del sito web della sua parrocchia, poi crea un ebook di preghiere e novene che trovate su Amazon, infine crea Lodeate.it per diffondere la Parola di Gesù!

Ti potrebbe interessare:

Il Granellino: (Mt 6,19-23)

Mentre celebravo, vidi GINA (nome fittizio) uscire dalla Chiesa frettolosamente. Dopo alcuni giorni incontrai GINA …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.