Home / Il Granellino / Il Granellino: (Lc 17,1-6)

Il Granellino: (Lc 17,1-6)

 

Sottoscrivi i nostri canali Telegram

C’è una novità, dal 11/06/2017 sono disponibili due canali: @granello dove saranno pubblicati solo ed esclusivamente gli articoli quotidiani de “Il Granellino” e il canale @lodeate dove saranno pubblicati tutti gli articoli esclusi gli articoli quotidiani de “Il Granellino”.

Per ricevere Il Granellino su Telegram leggi l'articolo dedicato , se invece vuoi ricevere tutti gli articoli del Blog escluso il Granellino leggi l'articolo dedicato.

Nei suoi insegnamenti Gesù è sempre semplice, diretto, pratico. Purtroppo ci sono alcuni maestri delle cose di Dio che sono incomprensibili. A volte, per comprenderli, bisogna leggere Gesù. Oggi Gesù ha una parola forte (e non sdolcinata) per i suoi discepoli.
Il primo insegnamento è fatto con una voce tuonante: Guai a chi scandalizza (induce a peccare) chi ha una fede insicura e giovanile. È un insegnamento rivolto soprattutto a noi del clero chiamati ad essere di esempio nella comunità dei fedeli. Purtroppo, molti si allontanano da Dio perché ci sono membri del clero che insegnano e dicono, ma non fanno. Con la loro ambizione, intolleranza, ipocrisia e indifferenza inducono i deboli nella fede a non credere nel Vangelo. In questo insegnamento c’è anche un forte ammonimento ai genitori che dicono ai loro figli di essere cristiani, ma nel loro agire e parlare quotidiano non c’è niente di Cristo. Ecco perché, dopo la prima Comunione, i bambini non ritornano più in chiesa. E sono così indotti a vivere come se Dio non esistesse.
Il secondo insegnamento ci ricorda che il perdono non ha limiti. Senza la grazia di Gesù Cristo il perdono senza limiti è impossibile. Come si arriva a perdonare di cuore? Pregando per chi ti ha offeso, amandolo con un amore creativo e rinunciando ai tuoi diritti. È impossibile amare in questa maniera, dicono molti cattolici.Gesù ci dice che è impossibile per chi non ha fede. La fede ti fa credere che sarà Gesù Cristo a perdonare in te.
Infatti c’è gente che mi dice: “Padre Lorenzo, ero convinto che non avrei mai perdonato chi mi aveva offeso, ma, pregando per ricevere la grazia di perdonare, all’improvviso il mio cuore, come il Mar Rosso per gli Ebrei, si è aperto al perdono”.
Senza il perdono vero, non si vive felici. La rabbia è veleno. AMEN. ALLELUIA.
(P. Lorenzo Montecalvo dei Padri Vocazionisti)


Ti potrebbe interessare anche:

Il Granellino: (Lc 19,41-44) Spesso sento dire: il mio matrimonio è in rovina... la mia famiglia è un albergo... la mia azienda sta per fallire... sono una persona con mille personalitá.. Se oggi il tuo matrim...
Il Granellino: (Lc 19,11-28) Ancora una volta il Signore ci esorta a non essere pigri ma ad essere continuamente impegnati a moltiplicare la fede che ci ha donato nella sua divina bontà. Siamo ormai alla fine ...
Il Granellino: (Lc 19,1-10) Chi é Zaccheo? È il prototipo dell'uomo che si converte seriamente al Vangelo, cioè a Gesù Cristo. Anzitutto Zaccheo, il cui dio era il danaro, aveva scoperto che il danaro, accumu...
Il Granellino: (Lc 18,35-43) La preghiera dev'essere insistente. E deve scaturire dal cuore. Ieri una mamma, che io conosco bene, è venuta a darmi una buona e commovente notizia. Il suo figlio primogenito alcu...

Info autore: Luciano Del Fico

A partire da marzo 2013 un vero e proprio cambiamento comincia nella sua vita, da quel momento comincia per lui una vera conversione. Per ringraziare Gesù dei doni ricevuti, si occupa del sito web della sua parrocchia, poi crea un ebook di preghiere e novene che trovate su Amazon, infine crea Lodeate.it per diffondere la Parola di Gesù!

Ti potrebbe interessare:

Il Granellino: (Lc 19,41-44)

  Sottoscrivi i nostri canali Telegram C’è una novità, dal 11/06/2017 sono disponibili due canali: …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *