Il Granellino: (Lc 16,19-31)

il granellino
il granellino

Se sei ricco, benedici il Signore. Essere ricco non è peccato. Il Signore non ci vuole nella miseria. La ricchezza però può diventare un ostacolo ad entrare nel Paradiso. Quando diventa un ostacolo? Nel momento in cui la ricchezza chiude il nostro cuore all’amore verso Dio e il prossimo. Ingannato dal diavolo, il ricco può arrivare a dire: “Ho tutto. Non mi manca niente. Non ho bisogno di Dio”. Scartando Dio dalla sua vita, il ricco chiude anche il cuore e gli occhi al prossimo che ha fame e sete e dorme al freddo sotto un porticato. Le opere di misericordia corporale sono ancora valide e chi le compie è gradito a Dio.
Se vai in Chiesa e ti nutri dell’Eucarestia, ma non ti attivi nel dare da mangiare a un povero, l’Eucarestia non ti salverà dall’inferno. L’inferno! Purtroppo, oggi neppure nelle nostre chiese si sente parlare dell’inferno. Anzi, è vietato parlarne. Alcuni pastori moderni dicono che non esiste l’inferno. Essi dicono: “Se Dio é misericordia, come può esistere l’inferno?”. Nel Vangelo odierno Gesù parla dell’inferno. Cos’è l’inferno? È una condizione in cui si è eternamente dannati dalla mancanza di amore. Sarà condannato eternamente all’inferno chi in questa terra non ha amato e non ha amato soprattutto i poveri. Il ricco epulone non è andato all’inferno perché mangiava e beveva bene, vestiva elegante, abitava in una casa dove non si soffriva né il caldo né il freddo, ma perché non si degnava neppure di volgere uno sguardo al povero Lazzaro. La cosa più triste è che dava da mangiare al cane quello che lui mangiava e non diceva mai ai suoi servi: “Abbiate cura di portare a Lazzaro un piatto caldo di pasta”. Certo, sarebbe stato meraviglioso se avesse detto a Lazzaro: “Vieni a sedere accanto a me!”.
In questi giorni di freddo abbiamo visto tanti volontari portare cibo e coperte a tanti fratelli infreddoliti e affamati che vivono nelle nostre città. Ciò è stato veramente encomiabile. Sarebbe stato veramente un agire da figlio di Dio se a uno di questi fratelli indigenti fosse stato detto: “Vieni con me a casa, fratello. Sei mio ospite!”.
Signore, insegnami ad amare. Amen. Amen.
(P. Lorenzo Montecalvo dei Padri Vocazionisti)

Dona

Aiutaci con una donazione, con un tuo piccolo contributo ci aiuterai a mantenere in vita il nostro sito web e ad attivare nuovi servizi. Grazie, Dio ti benedica!

Lode a Te App

Lode a Te App

Lode a Te App è un app semplice che raccoglie articoli, catechesi, video, audio, podcast, in un unica e app completamente GRATUITA! L’app è compatibile con tutti i dispositivi Android

Scarica Lode a Te App per Android

Video Recensione del mio libro

Informazioni su Luciano Del Fico 16698 Articoli
A partire da marzo 2013 un vero e proprio cambiamento comincia nella sua vita, da quel momento comincia per lui una vera conversione. Per ringraziare Gesù dei doni ricevuti, si occupa del sito web della sua parrocchia, poi crea un ebook di preghiere e novene che trovate su Amazon, infine crea Lodeate.it per diffondere la Parola di Gesù!