Home / Il Granellino / Il Granellino: (Gv 6,41-51)

Il Granellino: (Gv 6,41-51)

Per molti cristiani le verità del Vangelo sono come una lingua straniera: odono il suono delle parole, ma senza capirne il significato. Ecco perché essi provano persino un forte fastidio nell’ascoltare chi insegna le realtà del cielo. Spesso mi capita di ascoltare cristiani che mi dicono: “Padre Lorenzo, non vado a messa perché non capisco niente e non ha nessun significato per me”. A chi mi dice questo rivolgo la seguente esortazione: “Fai bene a non andarci. Però ti esorto a frequentare un corso di catechesi per comprendere cos’è la Messa, per comprendere il significato dei gesti liturgici e anche per comprendere perché dobbiamo cibarci dell’Eucarestia, Pane vivo disceso dal cielo”. Purtroppo la mia esortazione il più delle volte non viene accolta perché si dice che non c’è tempo per frequentare le catechesi.
È un alibi. Però, bisogna anche dire che in alcune (o molte?) parrocchie non si trovano catechisti disponibili per fare catechesi per adulti. Si trovano catechisti per bambini in abbondanza, ma non per adulti. Ecco perché il popolo di Dio, in alcune parrocchie, perisce per ignoranza del vero Dio. Spesso anche il parroco, il cui compito è anzitutto quello d’insegnare le cose di Dio, non è disponibile o per pigrizia o perché immerso nelle faccende e attività esterne della parrocchia. Un consiglio: se non trovi nessuno che ti insegni le realtà del cielo, non scoraggiarti. C’è un Maestro interiore, che, in ogni tempo e luogo, è sempre disponibile ad illuminarti e farti comprendere le realtà invisibili del Regno dei cieli. Nel Vangelo di oggi Gesù afferma: “E tutti saranno ammaestrati da Dio”. Chi viene ammaestrato da Dio non dimenticherà mai la Verità che Egli insegna.
Invoca lo Spirito Santo, Spirito di Verità, ed Egli, gradualmente, aprirà la tua mente alla conoscenza delle realtà del regno dei cieli. Un giorno anche tu, come il salmista, dirai: “Benedico il Signore perché mi dà consiglio: anche di notte, mentre dormo, m’istruisce.”. Amen. Alleluia.
(P. Lorenzo Montecalvo dei Padri Vocazionisti)


Sottoscrivi i nostri canali Telegram:

@ilgranellino @lodeate

Per ricevere Il Granellino su Telegram leggi l'articolo dedicato , se invece vuoi ricevere tutti gli articoli del Blog escluso il Granellino leggi l'articolo dedicato.

P.S. Leggi IL GRANDE REGISTA e comprenderai che il Signore sta facendo un capolavoro della tua vita. Per richiederlo, telefona ai seguenti nuneri: 3313347521‬ – ‭3493165354

Ti potrebbe interessare anche:

Il Granellino: (Mt 19,13-15) Oggi bisogna usare la parola "neonato" e non "bambino". Il bambino oggi, per quello che vede e sente, a due anni è già malizioso. Gesù accoglie e benedice i neonati ed esorta gli a...
Il Granellino: (Mt 19,3-12) "Oggi ti amo, domani non lo so", è lo slogan di questa generazione. Così ci si sposa con la mentalità che il matrimonio non è per sempre, cioè unico e indissolubile. Ovviamente que...
Il Granellino: (Mt 18,21-19,1) Per molti cristiani le due frasi più difficili da dire sono: 'Ti perdono' e 'Perdonami'. Desidero testimoniarti che, pur avendo una personalità forte, per grazia di Dio non mi è st...
Il Granellino: (Lc 1,39-56) Se sarai pieno di grazia divina, quando 'sorella morte' verrà a farti visita, il passaggio dell'anima da questo mondo all'altro sarà dolce e sereno. Il corpo però subirà la corruzi...

Info autore: Padre Lorenzo Montecalvo

Sacerdote, scrittore, autore de "Il Granellino".

Ti potrebbe interessare:

Il Granellino: (Mt 19,13-15)

Oggi bisogna usare la parola “neonato” e non “bambino”. Il bambino oggi, per quello che …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.