Home / Il Granellino / Il Granellino: (Gv 3,13-17)

Il Granellino: (Gv 3,13-17)

Il mondo disprezza la croce e noi cristiani la esaltiamo. Il mondo chiama stolto e debole l’uomo che porta la croce, per noi cristiani, invece, è sapiente e forte chi porta la croce. Il mondo si ribella davanti alla croce perché la considera un mezzo di dannazione, noi cristiani invece la contempliamo come mezzo di salvezza e di vita eterna.
Oggi la malattia dello spirito si chiama ‘depressione’. Il depresso è colui che non accetta la croce e vive così nella tristezza, nell’angoscia e nell’isolamento. Il depresso è un ribelle che esprime la sua ribellione contro Dio, contro se stesso e il mondo intero.
Gesù non è venuto a salvarci dalla croce, ma a salvarci sulla croce. Quando gli hanno detto di scendere dalla croce per dare un segno della sua divinità, Gesù è rimasto in croce. Proprio sulla croce Gesù ha manifestato di essere il Salvatore del mondo e ha fatto risplendere la gloria del Padre celeste. Infatti il centurione, vedendolo appeso sulla croce, esclamò dicendo: “Veramente questo uomo era Figlio di Dio”.
Qual è la croce che siamo chiamati a portare quotidianamente? È la croce dell’amore. Chi rifiuta di amare rifiuta la croce. Chi rifiuta la croce è pieno di amor proprio. Davanti al mondo si vanta di non portare la croce e si dichiara intelligente, scaltro, forte e determinato, ma il rifiuto di portare la croce produrrà il frutto della depressione. Qual è oggi la croce che rifiuti di portare? Il lavoro che non ti piace? Il vivere solamente con il pane quotidiano? La sterilità nel tuo matrimonio? L’essere stato tradito dal tuo coniuge? Vivere con un padre autoritario? L’insuccesso nei tuoi studi? La tua vedovanza? Un difetto fisico? L’essere ancora nubile? Il non aver conosciuto tuo padre o tua madre? Insomma, la tua croce è l’evento passato o presente che ti fa soffrire, una situazione di sofferenza e delusione che non accetti.
Chiunque sia la tua croce accettala con mitezza e umiltà. Chiediamo allo Spirito Santo la forza di portarla per la nostra salvezza e per salvezza del prossimo.
Senza lo Spirito Santo la croce ci schiaccia e ci rende ribelli. AMEN. ALLELUIA.
(P. Lorenzo Montecalvo dei Padri Vocazionisti)


Sottoscrivi i nostri canali Telegram:

@ilgranellino @lodeate

Per ricevere Il Granellino su Telegram leggi l'articolo dedicato , se invece vuoi ricevere tutti gli articoli del Blog escluso il Granellino leggi l'articolo dedicato.

Ti potrebbe interessare anche:

Il Granellino: (Mt 9,9-13) Il banco delle imposte è il luogo del potere economico. A mio avviso, il primo potere che l'uomo cerca (spesso anche in maniera disonesta) è quello economico. L'uomo cade facilment...
Il Granellino: (Lc 7,36-50) Chi ha ricevuto amore e non manifesta gratitudine alla persona dalla quale è stata amato, ha un cuore indurito. L'ingratitudine è un sentimento che appartiene ai superbi di cuore. ...
Il Granellino: (Lc 7,31-35) Chi ha deciso di non dire SÌ a Cristo trova sempre un alibi per dire NO. "Giorgio, ieri sera ti aspettavo all'ascolto della catechesi. Come mai non sei venuto?". La risposta: "Non ...
Il Granellino: (Lc 7,11-17) GESÙ è un evangelizzatore itinerante. Non è un parroco che aspetta la gente nel suo ufficio parrocchiale per confortarla, istruirla e rafforzarla nella fede. Gesù è un parroco semp...

Info autore: Padre Lorenzo Montecalvo

Sacerdote, scrittore, autore de "Il Granellino".

Ti potrebbe interessare:

Il Granellino: (Mt 9,9-13)

Il banco delle imposte è il luogo del potere economico. A mio avviso, il primo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.