Home / Il Granellino / Il Granellino: (Gv 17,20-26)

Il Granellino: (Gv 17,20-26)

Quando, durante la catechesi, rivolgo la seguente domanda all’assemblea in ascolto: quali sono i segni della fede nella morte e risurrezione di Gesù Cristo? Purtroppo pochissimi sanno rispondere con esattezza. Bene, quali sono i segni della fede? Sono due ed essi sono: l’unità e l’amore. Quando Gesù prega per l’unità dei suoi discepoli ha in mente l’unità che trascende tutte le differenze sociali e religiose. Il mondo è diviso in classi, ma nella comunità cristiana abbiamo tutti la stessa dignità. Lo Spirito di Cristo unisce e non divide. Nella vita sociale il povero non può sedersi a mensa con il ricco, il grande professionista con l’analfabeta, il giovane con l’anziano, il giusto con il peccatore, l’alto prelato con un semplice fedele e così via.
Nella vita possiamo svolgere ruoli diversi, ma il cristianesimo ci insegna che la nostra dignità viene dalla verità che siamo tutti figli di Dio perciò preghiamo: Padre nostro.
Una volta, durante un’agape, chiesi a un membro della comunità parrocchiale, custode di un condominio situato sulla collina di Posillipo: “Perché sei così gioioso?”. Ed egli: “Perché siedo accanto a Gianni”. Gianni era un grande e stimato neurochirurgo in città, ora in pensione.
L’unità tra i cristiani è la più grande prova della fede nel Risorto. Le divisioni nelle comunità cristiane sono il più grande male che si procura alle fede cristiana.
Il cristiano non è discriminante. Non è come il testimone di Geova che, appena vede un cattolico, fugge.
Il secondo segno della fede cristiana è l’amore. Cos’è l’amore? L’amore è soprattutto perdono. Si litiga pure tra i membri di una comunità cristiana, ma la cosa più bella è chiedere e concedere il perdono. L’amore non disprezza nessuno e non si sente migliore e superiore a nessuno. L’amore non vive tranquillo se vede che un fratello non ha niente da mangiare. L’amore sa condividere. L’amore non ha nemici. Sa abbracciare il suo Giuda così come fece Gesù nell’Orto degli Ulivi.
L’amore del cristiano è soprannaturale, cioè viene dallo Spirito Santo. Amen. Alleluia.
(P. Lorenzo Montecalvo dei Padri Vocazionisti)


Sottoscrivi i nostri canali Telegram:

@ilgranellino @lodeate

Per ricevere Il Granellino su Telegram leggi l'articolo dedicato , se invece vuoi ricevere tutti gli articoli del Blog escluso il Granellino leggi l'articolo dedicato.

P.S. Stasera sarò ospite di Radio Maria. Parlerò sul significato della Pentecoste. Sintonizzarsi alle 22.00 circa.

Ti potrebbe interessare anche:

Il Granellino: (Mt 11,16-19) San Carlo Borromeo, uomo austero, non condivideva affatto la santità di San Filippo Neri, uomo gioviale, sorridente e allegro. Ognuno di noi incarna una pagina del Vangelo. Ciò, pe...
Il Granellino: (Mt 11,11-15) Ci sono due tipi di violenza: una distrugge e l'altra edifica. Il tipo di violenza che distrugge si chiama ‘ira’. L'ira è un sentimento diabolico che scaturisce dal cuore dell'uomo...
Il Granellino: (Mt 11,28-30) Quali sono i pilastri su cui si poggia il solido edificio della spiritualità cristiana? Sono due: mitezza e umiltà. Infatti Gesù dice a noi cristiani: "Imparate da me che sono mite...
Il Granellino: (Lc 5,17-26) Alla presenza di Gesù la gente esclamava: "Oggi abbiamo visto cose meravigliose e prodigiose!". Se non vivi alla presenza di Gesù, vedrai tutto negativo. Non vedrai niente di bello...

Info autore: Padre Lorenzo Montecalvo

Sacerdote, scrittore, autore de "Il Granellino".

Ti potrebbe interessare:

Il Granellino: (Mt 11,16-19)

San Carlo Borromeo, uomo austero, non condivideva affatto la santità di San Filippo Neri, uomo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.