Home / Vangelo del giorno / I Santi del giorno – 2018-08-16 – Monastero S.Vincenzo M.

I Santi del giorno – 2018-08-16 – Monastero S.Vincenzo M.

Santo Stefano, Re

Re d’Ungheria (Memoria facoltativa)

BIOGRAFIA

Vissuto tra il 935 ed il 1038. Alla morte del padre Geza, nel 997, Stefano gli successe come sovrano dei Magiari d’Ungheria; nel 995 sposò Gisella, sorella dell’imperatore sant’Enrico II, ed insieme a lei si dedicò al compito di cristianizzare il paese. Con l’aiuto di papa Silvestro II, Stefano riunì gradualmente i magiari in una sola nazione; organizzò diocesi, fondò abbazie (Pannonhalma) e si avvalse della collaborazione di personaggi di spicco del tempo, tra cui San Gerardo Sagredo, abate di San Giorgio Maggiore a Venezia e precettore del suo figlio sant’Emerico. Le sue spoglie furono traslate nel 1083 per ordine di san Gregorio VII; i magiari lo considerano ancora il loro più grande santo ed eroe nazionale.

MARTIROLOGIO

Santo Stefano, re d’Ungheria, che, rigenerato nel battesimo e ricevuta da papa Silvestro II la corona del regno, si adoperò per propagare la fede cristiana tra gli Ungheresi: riordinò la Chiesa nel suo regno, la arricchì di beni e di monasteri, fu giusto e pacifico nel governare i sudditi, finché a Székesfehérvár in Ungheria, nel giorno dell’Assunzione, la sua anima salì in cielo.


Sottoscrivi i nostri canali Telegram:

@ilgranellino @lodeate

Per ricevere Il Granellino su Telegram leggi l'articolo dedicato , se invece vuoi ricevere tutti gli articoli del Blog escluso il Granellino leggi l'articolo dedicato.

DAGLI SCRITTI…

Dalle «Esortazioni al figlio» di santo Stefano
In primo luogo questo ti consiglio, ti raccomando e ti impomgo, figlio carissimo; fà onore alla corona regale, conserva la fede cattolica e apostolica con tale diligenza e scrupolo da essere di esempio a tutti quelli che da Dio ti sono stati sottoposti, perché tutte le persone dabbene giustamente ti indichino come un praticante autentico del Vangelo. Senza di questo, sappilo per certo, non sarai cristiano né figlio della Chiesa. Nel palazzo reale dopo la fede in Cristo, viene quella nella Chiesa, la quale, piantata dapprima dal nostro capo, Cristo, fu poi trapiantata e solidamente costruita e diffusa per tutto il mondo dalle sue membra, ossia dagli apostoli e dai santi padri.
Questa Chiesa non cessa mai di generare ovunque nuovi figli, anche se in diverse regioni data la sua antica introduzione, in un certo senso si potrebbe considerare vecchia. Nel nostro regno però, o figlio carissimo, essa é ancora giovane, in quanto nuova e annunziata da poco. Per questo ha bisogno di persone che la custodiscano con maggior impegno e vigilanza, perché, quel bene, che la divina bontà ha elargito a noi, senza alcun nostro merito, non vada perduto e ridotto al nulla per tua ignavia, pigrizia e negligenza. Figlio mio carissimo, dolcezza del mio cuore, speranza della mia futura discendenza, ti scongiuro e ti comando di farti guidare in tutto e per tutto dall’amore, e di essere pieni di benevolenza, non solo verso i parenti e i congiunti, siano essi principi, condottieri, ricchi, vicini o lontani, ma anche verso gli estranei e tutti quelli che vengono da te.
Se praticherai la carità, arriverai alla suprema beatitudine. Sii misericordioso verso tutti gli oppressori. Abbi sempre presente nel cuore il modello offerto dal Signore quando dice: «Misericordia io voglio e non sacrificio» (Mt 9, 13). Sii paziente con tutti, non solo con i potenti ma anche con i deboli. Infine sii forte, perché non ti inorgoglisca la prosperità, né ti abbatta l’avversità. Sii anche umile, perché Dio ti esalti ora e in futuro. Sii moderato e non punire o condannare alcuno oltre misura. Sii mite e non voler metterti mai in oppisizione con la giustizia. Sii onesto, perché non abbia mai a procurare volutamente disonore ad alcuno. Sii casto, perché tu abbia ad evitare, come spine di morte, le sollecitazioni malvage.
Tutte queste cose, qui sopra elencate, danno splendore alla corona regale, mentre, senza di esse, nessuno é in grado di regnare come si conviene quaggiù, né di giungere al regno eterno.

 

San Rocco

(Memoria facoltativa)

MARTIROLOGIO

In Lombardia, san Rocco, che, originario di Montpellier in Francia, acquistò fama di santità con il suo pio peregrinare per l’Italia curando gli appestati.

 

Vai alla fonte

Ti potrebbe interessare anche:

2018-11-21 – Commento di Mercoledì Chi è la Madre...? ||| Vari elementi hanno concorso alla istituzione della festa odierna della Vergine. Il Protovengelo di Giacomo, uno scritto apocrifo, non riconosciuto co...
2018-11-20 – Commento di Martedì ...a salvare ciò che era perduto... ||| Nel racconto odierno l'evangelista Luca vuole unire in uno sguardo d'insieme il correre di Zaccheo e l'amore di Ges&ug...
2018-11-19 – Commento di Lunedì Che cosa vuoi che io ti faccia? Signore, che io veda... ||| Gesù sta per terminare il cammino verso la città santa dove il suo destino di profeta giungerà a co...
I Santi del giorno – 2018-11-19 – Monastero S.Vincenzo M. Santa MetildeVergine (Memoria facoltativa)BIOGRAFIANata nel 1241 dai nobili di Hackeborn, fece con la madre una visita al monastero di Rodersdorf, diocesi di Halberstadt, dove Ge...

Info autore: Luciano Del Fico

A partire da marzo 2013 un vero e proprio cambiamento comincia nella sua vita, da quel momento comincia per lui una vera conversione. Per ringraziare Gesù dei doni ricevuti, si occupa del sito web della sua parrocchia, poi crea un ebook di preghiere e novene che trovate su Amazon, infine crea Lodeate.it per diffondere la Parola di Gesù!

Ti potrebbe interessare:

2018-11-21 – Commento di Mercoledì

Chi è la Madre…? ||| Vari elementi hanno concorso alla istituzione della festa odierna della …

2 commenti

  1. iscrivermi alla vostra newsletter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.