Home / Il Granellino / Il Granellino: (Mc 8,1-10)

Il Granellino: (Mc 8,1-10)

Ancora oggi c’è una folla immensa che non ha niente da mangiare. Rimasi molto scandalizzato quando, vivendo negli USA durante gli anni ‘60, vidi un uomo di colore che rovistava nel contenitore dell’immondizia per trovare un po’ di cibo. Gli arrabbiati con Dio dicono che la colpa è di Dio perché non si cura di mandarci il pane quotidiano. Ma io non condivido la loro opinione. Il Padre celeste ogni giorno manda abbondantemente all’umanità il pane quotidiano. Come mai allora migliaia di persone stanno morendo di fame? Il problema è che ci sono molte persone, le quali, con la loro violenza e prepotenza, raccolgono la maggioranza di questo pane e lo conservano nelle loro dispense senza condividerlo. Se le multinazionali condividessero il pane che hanno, sicuramente ci sarebbero meno persone che muoiono di fame. Se gli imprenditori creassero più posti di lavoro, sicuramente ci sarebbero meno persone che muoiono di fame.
Se i dittatori non accumulassero i beni di questo mondo, sicuramente ci sarebbero meno morti di fame.
Se gli attori, i calciatori, gli atleti, i ricchi e i potenti di questo mondo condividessero il pane che hanno nelle loro dispense tutti avrebbero il pane quotidiano. Se gli Stati non spendessero ingenti somme per armarsi sulla mensa quotidiana di tutte le famiglie del mondo ci sarebbe pane sufficiente per sfamarsi. La fame esiste perché esistono gli avari.
Cosa dovrebbe aprire il cuore dell’uomo alla generosità e alla condivisione? Sono perfettamente convinto che se si annunciasse di più il Vangelo i ricchi e i potenti di questo mondo dispenserebbero a piene mani il cibo che hanno nelle loro dispense. Chi non è abitato da Dio ha un solo desiderio ed quello di arricchirsi sempre più.
Ho fatto il parroco in una zona residenziale di Napoli per 34 anni. Giorno e notte ho predicato il Vangelo dell’amore e il Signore mi ha fatto vedere che molti ricchi, ascoltando la Parola di Dio, hanno avuto compassione dei poveri e non sono rimasti con il cuore chiuso dinanzi alla loro sofferenza. Quante volte nelle mie omelie dicevo: “Se non avete compassione verso i poveri, non sedetevi intorno alla mensa eucaristica perché lo sguardo di Dio non sarà su di voi e la ricchezza che avete si trasformerà in miseria per i vostri figli e nipoti”. Amen. Alleluia.
(P. Lorenzo Montecalvo dei Padri Vocazionisti)


Sottoscrivi i nostri canali Telegram:

@ilgranellino @lodeate

Per ricevere Il Granellino su Telegram leggi l'articolo dedicato , se invece vuoi ricevere tutti gli articoli del Blog escluso il Granellino leggi l'articolo dedicato.

PS Dal 14 Febbraio al 18 sarò nella Parrocchia della Vergine Assunta in Domusnovas, Cagliari. Tel. 339 790 53 74.

Ti potrebbe interessare anche:

Il Granellino: (Mt 5,20-26) Cos'è l'ira? È una parola o un gesto per offendere l'altro. Il verbo "offendere" significa fare danno. Ovviamente il danno può essere morale o fisico. L'ira distrugge. Si diventa i...
Il Granellino: (Mt 16,13-19) "Gesù, chi sei?", questa è la preghiera che dovremmo rivolgere costantemente a Gesù. Solo con la nostra mente non riusciremo mai a conoscere Gesù. Egli si rivela solo a chi lo cerc...
Il Granellino: (Mt 16,13-19) "Gesù, chi sei?", questa è la preghiera che dovremmo rivolgere costantemente a Gesù. Solo con la nostra mente non riusciremo mai a conoscere Gesù. Egli si rivela solo a chi lo cerc...
Il Granellino: (Lc 11,29-32) La nostra è una generazione malvagia? Le apparizioni della Vergine Maria, così frequenti negli ultimi tempi, è un segno che la nostra generazione è ingolfata nel male. La Vergine M...

Info autore: Luciano Del Fico

A partire da marzo 2013 un vero e proprio cambiamento comincia nella sua vita, da quel momento comincia per lui una vera conversione. Per ringraziare Gesù dei doni ricevuti, si occupa del sito web della sua parrocchia, poi crea un ebook di preghiere e novene che trovate su Amazon, infine crea Lodeate.it per diffondere la Parola di Gesù!

Ti potrebbe interessare:

Il Granellino: (Mt 5,20-26)

Cos’è l’ira? È una parola o un gesto per offendere l’altro. Il verbo “offendere” significa …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *