Home / Il Granellino / Il Granellino: (Mc 1,40-45)

Il Granellino: (Mc 1,40-45)

Sono pochissimi gli episodi del Vangelo che ci fanno vedere Gesù che guarisce da lontano. Di solito Gesù guarisce toccando personalmente il malato. Oggi tocca persino il lebbroso. Le istituzioni umanitarie sono importanti, ma più importanti sono le persone che, fisicamente presenti, aiutano e consolano visibilmente chi soffre. Gli atti di amore vero sono concreti. Il tocco personale comunica concretamente l’amore.
Nel mio libro IL SEMINATORE racconto come un giorno si presentò un barbone nell’ufficio parrocchiale per chiedere l’elemosina. Il fratello emanava un odore sgradevole. Era tutto sporco. Le sue mani erano nere. Gli diedi una generosa elemosina. Ma, nel dargliela, feci molta attenzione a non toccare la sua mano. Rimasto solo, una voce interiore mi disse: “Hai fatto l’elemosina senza carità”. Mi sentii veramente meschino, senza la grazia di Gesù Cristo. Quel rimproverò mi insegnò come approcciare cristianamente la povertà e la sofferenza del prossimo. La santità di San Francesco ebbe iniziò proprio quando abbracciò il lebbroso il cui volto diventò, durante l’abbraccio, il volto di Gesù. Madre Teresa di Calcutta è diventata Santa perché accarezzava gli ammalati che incontrava ogni giorno. Gli uomini di grande fede mettono sempre in pratica le parole di Gesù: “Qualunque cosa avrete fatto a uno dei miei fratelli più piccoli, l’avete fatto a me”.
Che tipo di approccio hai verso ogni sofferenza che incontri? Oggi, in molte case, il parente ammalato dà fastidio. L’anziano è una presenza scomoda. Essi vivono un’esistenza di solitudine infernale. Non ricevono mai una carezza e una parola di consolazione. Anche negli ospedali ci sono infermieri e medici che non hanno compassione verso gli ammalati. Se hai soldi e conoscenze personali, avrai delle attenzioni particolari, altrimenti non sei una persona, ma una cosa.
Esiste anche la sofferenza del peccatore che viene disprezzato e allontanato da chi si sente Santo. Per convertirli, Gesù stava e mangiava con loro. È quello che dovrebbe fare ogni vescovo, prete e cristiano. Amen. Alleluia.
(P. Lorenzo Montecalvo dei Padri Vocazionisti)


Sottoscrivi i nostri canali Telegram:

@ilgranellino @lodeate

Per ricevere Il Granellino su Telegram leggi l'articolo dedicato , se invece vuoi ricevere tutti gli articoli del Blog escluso il Granellino leggi l'articolo dedicato.

Ti potrebbe interessare anche:

Il Granellino: (Mt 5,20-26) Cos'è l'ira? È una parola o un gesto per offendere l'altro. Il verbo "offendere" significa fare danno. Ovviamente il danno può essere morale o fisico. L'ira distrugge. Si diventa i...
Il Granellino: (Mt 16,13-19) "Gesù, chi sei?", questa è la preghiera che dovremmo rivolgere costantemente a Gesù. Solo con la nostra mente non riusciremo mai a conoscere Gesù. Egli si rivela solo a chi lo cerc...
Il Granellino: (Mt 16,13-19) "Gesù, chi sei?", questa è la preghiera che dovremmo rivolgere costantemente a Gesù. Solo con la nostra mente non riusciremo mai a conoscere Gesù. Egli si rivela solo a chi lo cerc...
Il Granellino: (Lc 11,29-32) La nostra è una generazione malvagia? Le apparizioni della Vergine Maria, così frequenti negli ultimi tempi, è un segno che la nostra generazione è ingolfata nel male. La Vergine M...

Info autore: Luciano Del Fico

A partire da marzo 2013 un vero e proprio cambiamento comincia nella sua vita, da quel momento comincia per lui una vera conversione. Per ringraziare Gesù dei doni ricevuti, si occupa del sito web della sua parrocchia, poi crea un ebook di preghiere e novene che trovate su Amazon, infine crea Lodeate.it per diffondere la Parola di Gesù!

Ti potrebbe interessare:

Il Granellino: (Mt 5,20-26)

Cos’è l’ira? È una parola o un gesto per offendere l’altro. Il verbo “offendere” significa …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *