Home / Il Granellino / Il Granellino: (Lc 18,1-8)

Il Granellino: (Lc 18,1-8)

 

Sottoscrivi i nostri canali Telegram

C’è una novità, dal 11/06/2017 sono disponibili due canali: @granello dove saranno pubblicati solo ed esclusivamente gli articoli quotidiani de “Il Granellino” e il canale @lodeate dove saranno pubblicati tutti gli articoli esclusi gli articoli quotidiani de “Il Granellino”.

Per ricevere Il Granellino su Telegram leggi l'articolo dedicato , se invece vuoi ricevere tutti gli articoli del Blog escluso il Granellino leggi l'articolo dedicato.

MEDITAZIONE PER OGNI GIORNO A CURA DI DON LORENZO MONTECALVO SDV
IL GRANELLINO
(Lc 18,1-8)

Qual è il segno della fede? In realtà sembra una domanda facile, ma non lo è. Il segno della fede è la preghiera. Se non preghi, non hai fede. Ma cos’è la fede? Quando rivolgo la suddetta domanda alle persone, devo dire che è rarissimo che mi si dia la risposta giusta. Di solito la risposta che ricevo è: la fede è credere in Dio. La fede cristiana è credere nell’amore di Dio per noi. Gesù non si è incarnato, morto e risorto per darci la prova dell’esistenza di Dio, ma per rivelarci che Dio è amore misericordioso. Ed è quello che avremmo dovuto capire e vivere meglio in questo anno della misericordia che sta per terminare. “Se Dio esiste – diceva un filosofo cristiano – ma non è amore, non mi serve”. La vera preghiera nel cuore dell’uomo nasce quando egli crede che Dio è amore. Non c’è relazione dove non c’è amore. Gli oranti veri sono quelli che sono posseduti dalla Verità che Dio è amore. Sapendo di essere deboli e fragili, nella lotta contro satana, gli oranti fanno costantemente richiesta al Signore di far loro giustizia. Se sono tentati a vendicarsi, giorno e notte chiedono al Signore la grazia di perdonare. Lo fanno con insistenza ma senza essere logorroici nel pregare. La loro preghiera, che è un grido, è basata sulla fede che hanno nell’amore verso Dio. Ecco perché Dio li ascolta sempre. Dove non c’è fede non c’è preghiera. Dove non c’è preghiera, l’antico avversario (satana) fa del cristiano un solo boccone. Davide andò incontro a Golia senza paura, perché si sentiva forte con Dio. Chi si affida al Signore nella lotta contro satana, il vero nemico dell’uomo, non diventerà mai preda di satana. Non diventerà mai preda di lui. Amen. Alleluia.


Ti potrebbe interessare anche:

Il Granellino: (Mt 22,15-21) Qual è il volto che tu mostri nella tua comunità cristiana? È un volto di santità? Cosa si dice di te nella comunità cristiana a cui appartieni? Si dice che il tuo volto irradia um...
Il Granellino: (Lc 12,8-12) Una settimana fa una lettrice de Il Granellino mi ha inviato un messaggio dal santuario di Lourdes dicendomi: "Padre Lorenzo, stando a Lourdes sto partecipando ogni giorno alla cel...
Il Granellino: (Lc 12,1-7) A mio avviso non c'è peccato più grave dell'ipocrisia. L'ipocrita più grande nella storia della creazione è il diavolo. Egli ti appare come luce, ma in realtà è tenebra, come verit...
Il Granellino: (Lc 10,1-9) Luca, l'evangelista medico, oggi ci presenta Gesù attorniato da malati fortemente desiderosi di essere sanati da Lui. Certamente Gesù non guariva tutti i malati.Perché, avendone ...

Info autore: Luciano Del Fico

A partire da marzo 2013 un vero e proprio cambiamento comincia nella sua vita, da quel momento comincia per lui una vera conversione. Per ringraziare Gesù dei doni ricevuti, si occupa del sito web della sua parrocchia, poi crea un ebook di preghiere e novene che trovate su Amazon, infine crea Lodeate.it per diffondere la Parola di Gesù!

Ti potrebbe interessare:

Il Granellino: (Mt 22,15-21)

  Sottoscrivi i nostri canali Telegram C’è una novità, dal 11/06/2017 sono disponibili due canali: …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *