Highslide for Wordpress Plugin

Blog

header image
0 sabato, 12 novembre 2016 @ 18:40 di Luciano Del Fico

Il Granellino: (Lc 18,1-8)

Scritto nelle Categorie: Il Granellino

MEDITAZIONE PER OGNI GIORNO A CURA DI DON LORENZO MONTECALVO SDV
IL GRANELLINO
(Lc 18,1-8)

Qual è il segno della fede? In realtà sembra una domanda facile, ma non lo è. Il segno della fede è la preghiera. Se non preghi, non hai fede. Ma cos’è la fede? Quando rivolgo la suddetta domanda alle persone, devo dire che è rarissimo che mi si dia la risposta giusta. Di solito la risposta che ricevo è: la fede è credere in Dio. La fede cristiana è credere nell’amore di Dio per noi. Gesù non si è incarnato, morto e risorto per darci la prova dell’esistenza di Dio, ma per rivelarci che Dio è amore misericordioso. Ed è quello che avremmo dovuto capire e vivere meglio in questo anno della misericordia che sta per terminare. “Se Dio esiste – diceva un filosofo cristiano – ma non è amore, non mi serve”. La vera preghiera nel cuore dell’uomo nasce quando egli crede che Dio è amore. Non c’è relazione dove non c’è amore. Gli oranti veri sono quelli che sono posseduti dalla Verità che Dio è amore. Sapendo di essere deboli e fragili, nella lotta contro satana, gli oranti fanno costantemente richiesta al Signore di far loro giustizia. Se sono tentati a vendicarsi, giorno e notte chiedono al Signore la grazia di perdonare. Lo fanno con insistenza ma senza essere logorroici nel pregare. La loro preghiera, che è un grido, è basata sulla fede che hanno nell’amore verso Dio. Ecco perché Dio li ascolta sempre. Dove non c’è fede non c’è preghiera. Dove non c’è preghiera, l’antico avversario (satana) fa del cristiano un solo boccone. Davide andò incontro a Golia senza paura, perché si sentiva forte con Dio. Chi si affida al Signore nella lotta contro satana, il vero nemico dell’uomo, non diventerà mai preda di satana. Non diventerà mai preda di lui. Amen. Alleluia.


Ti potrebbe interessare anche:

Il Granellino: (Lc 24,13-35) Nel giorno della Risurrezione Gesù camminava con i discepoli di Emmaus, ma i loro occhi erano incapaci di riconoscerlo.  Non lo riconobbero perché i loro occhi erano pieni di delus...
Il Granellino: (Mt 11,25-30) Santa Caterina da Siena diceva al suo direttore spirituale: "Padre, se tu vedessi la bellezza di un'anima nella grazia di Dio, tu daresti la tua vita per un peccatore". Ecco perché...
Il Granellino: (Gv 6,1-15) Nel mondo non manca il pane. Infatti c'è tanto pane che la gente lo getta nell'immondizia. Vi ricordo che sprecare il pane è un peccato molto grave. Fino ad oggi, durante l'ascolto...
Il Granellino: (Gv 3,31-36) Chi è più forte: il violento o il mite? È il mite. Ci vuole più forza nell'essere mite che nell'essere violento. La forza del mite viene dall'alto. Agli occhi del mondo il mite è c...

Info su questo autore

Ultimi articoli

Commenti

2 commenti per questo articolo

  1. Grazie.

    Gaspare
    Rispondi
    1. Grazie a te Gaspare 🙂

      Luciano Del Fico
      Rispondi

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato I campi obbligatori sono contrassegnati con *

E' possibile usare tags HTML e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>