Home / Don Mauro Leonardi / FarodiRoma – Il matrimonio non è il rimedio della concupiscenza

FarodiRoma – Il matrimonio non è il rimedio della concupiscenza

La vicenda di don Gianfranco Del Neso, il sacerdote di Ischia che aspetta un figlio e che per questo non potrà più continuare ad esercitare il ministero, ha suscitato i soliti previdibili commenti, molti dei quali sono nella linea del remedium concupiscentiae – letteralmente “il rimedio alla concupiscenza” – ovvero il matrimonio visto come una sorta di legittimazione alla vita sessualmente disordinata. In poche parole l’idea sarebbe questa: sei prete e non ce la fai a rinunciare a tutte le donne? Allora sposati.
So bene di esprimere il principio in maniera un po’ rude ma far cadere la cortina fumogena del latino mi consente di dire le cose come stanno, e cioè, visto che i fautori del principio “dal momento che non riesci a vivere il celibato, sposati” auspicano al malcapitato il matrimonio indissolubile, ecco quello che essi sostengono, tradotto in italiano semplice: visto che non ce la fai a rinunciare del tutto alle donne, rinuncia a tutte tranne che a una. Come se avere accanto un persona con tutti i suoi limiti, di età, aspetto, carattere, e così via, potesse esser di qualche aiuto a chi non ha imparato il vero amore (anche nella sua declinazione sessuale).
Mi preme chiarire – d’accordo con uno studioso del calibro di Cormac Burke (niente a che vedere con il cardinale) – che l’espressione “remedium concupiscentiae” era stata molto usata, e malamente, nel corso dei secoli dagli ecclesiastici ma non trova riscontro in autori quali sant’Agostino e san Tommaso. La Chiesa prende coscienza che tale visione del matrimonio è distorta – io la chiamerei sessista – a partire dal Concilio Vaticano II e poi via via se ne allontana sempre con maggior forza grazie alla teologia del corpo di Giovanni Paolo II.
Le attuali statistiche su quanto duri il matrimonio dicono da sole quanto sia insensato credere che una persona che non sa vivere una vita sessuale coerente col proprio cuore possa trovare un’ancora di salvezza nel matrimonio. Sono disposto a sostenere contro chiunque che anzi, in questi casi, il matrimonio fa deflagrare quelle tensioni non risolte che, una vita a due, rende esplicite e amplifica. È vero cioè esattamente il contrario: hai, dirò con un eufemismo, una vita sessualmente disordinata? Allora non ti sposare: non coinvolgere nei tuoi problemi una persona che dovresti amare e rispettare. Facciamo un giro sui social in occasioni come queste e troveremo invece tanti commenti “cristiani” improntati all’idea che la donna e il matrimonio siano la via facile, la soluzione a problemi personali che si sono rimandati di affrontare. Sono quelle argomentazioni che radicano nel terreno di coltura che ritiene il celibato più difficile del matrimonio: quando Dio chiede “di più” chiede il celibato, invece se si accontenta di te chiede la strada “facile” del matrimonio. Il che dimostra come l’idea del matrimonio “rimedio della concupiscenza” non radichi nel mondo ecclesiastico ma nell’egoismo sessista del cuore umano. Il che è peggio.


Sottoscrivi i nostri canali Telegram:

@ilgranellino @lodeate

Per ricevere Il Granellino su Telegram leggi l'articolo dedicato , se invece vuoi ricevere tutti gli articoli del Blog escluso il Granellino leggi l'articolo dedicato.

Tratto da farodiroma

Vai alla fonte

I migliori libri di Religione e Spiritualità - I miei libri
LibreriadelSanto.it - La prima libreria cattolica online

Ti potrebbe interessare anche:

IlSussidiario – PAPA/ I poveri di Francesco fanno piazza pulita ... Pochi ricchi sempre più ricchi, tanti poveri sempre più poveri e sempre più numerosi. I primi hanno mezzi potenti che fanno giungere lontano, clamorosa, la propria arroganza; i sec...
Agi – Perché nel Padre nostro non diremo più “non indurci ... Tra pochi giorni, quando a Messa reciteremo il Padre nostro, invece di “non ci indurre in tentazione” ci rivolgeremo a Dio dicendo “non abbandonarci alla tentazione”. Anche nel Glo...
MIO Anno III n. 46/ DON MAURO LEONARDI PARLA CON I LETTORI – Il ... Mauro Leonardi (Como, 1959) è stato ordinato sacerdote dal 29 maggio 1988. Vive a Roma presso l’Elis centro di formazione per la gioventù lavoratrice accanto alla parrocchia di san...
Agi – Il caso della neonata tenuta per due anni nel bagagliaio d... Per motivi processuali riemerge un fatto orribile che quando lo si conosce interroga più ancora dell’orrore che suscita. Rosa Maria Cruz, sposa e madre di tre figli, originaria del...

Info autore: Mauro Leonardi

Mauro Leonardi
Prete, blogger e scrittore

Ti potrebbe interessare:

IlSussidiario – PAPA/ I poveri di Francesco fanno piazza pulita di tutte le nostre scuse

Pochi ricchi sempre più ricchi, tanti poveri sempre più poveri e sempre più numerosi. I …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.