Home / Don Mauro Leonardi / FarodiRoma – I pomodori di Ciro. Quando i social raccontano l’altro volto di Scampia

FarodiRoma – I pomodori di Ciro. Quando i social raccontano l’altro volto di Scampia

A Scampia, un quartiere dell’estrema periferia di Napoli, Ciro, 14 anni, per aiutare la zia, se ne sta con tre ceste di pomodori all’angolo di una strada per cercare di venderli. Non si accorge che un cugino lo fotografa e lo posta su Facebook. In breve, la foto diventa virale con decine di migliaia di like e di commenti, che accompagnano le parole con cui il parente spiega che Ciro è orfano, e si comporta così perché non vuole cadere nel giro della criminalità che lo lusinga, lo assedia e lo minaccia. 

Quando parli di Scampia e di cassette di pomodori pensi subito a camorra, caporalato, malavita e sfruttamento, invece questa è una storia di riscatto perché, anche se siamo a Scampia e c’è una cassetta di pomodori, qui c’è solo la voglia di un ragazzino che non vuole cadere nella ragnatela dei clan della malavita iniziando – magari – a fare il palo per il traffico della droga.

A Ciro, finora, la vita ha tolto tutto: quartiere malfamato, famiglia povera, padre morto. Ma gli regalato la forza di non perdere la dignità, la voglia di riscatto, la volontà di restare in piedi nonostante le avversità, seguendo l’esempio di suo padre che non c’è più di cui, nei post, si parla tra le righe e, immagino, della zia che gli dà lavoro e del cugino che posta fiero su Facebook la storia del parente.


Sottoscrivi i nostri canali Telegram:

@ilgranellino @lodeate

Per ricevere Il Granellino su Telegram leggi l'articolo dedicato , se invece vuoi ricevere tutti gli articoli del Blog escluso il Granellino leggi l'articolo dedicato.

Ciro è l’altro volto di Scampia, del meridione e di quell’Italia onesta che c’è e che ce la vuole fare. Ciro è la conferma che siamo liberi e che nel nostro destino non c’è predestinazione: anche se nasci a Scampia e ti manca il padre e sei povero, da queste mancanze puoi trovare la forza per vivere e costruire sul bene e sulla verità. Se vuoi, puoi essere un gigante di coraggio e di forza nonostante tu sia solo un bambino o poco più. È bello che tanti ragazzi, tante donne e tanti uomini seguano l’esempio di Ciro e sappiano vedere in un ragazzino che in piedi all’angolo di una strada vende pomodori, il segno di un profondo riscatto e di una libertà che non si può comprare. Però Ciro non deve essere lasciato solo perché da soli non ce la si può fare. La solidarietà scattata su Facebook non deve rimanere al livello dei like e delle condivisioni. Deve diventare vita vera, non virtuale. La voglia di vivere in maniera onesta e di farcela deve essere messa a sistema. Ci devono essere investimenti, leggi, aiuti e, dietro, una società civile sana. Un paese, una società, non può permettere che per essere onesti si debba essere eroici. L’eroismo, per definizione, non può essere la regola. E se la regola è la legalità non si può chiedere alla gente di essere speciale per rispettare la legge. Il nostro paese deve far diventare normale. Che vuol diventare essere un posto in cui essere onesti è una cosa normale. Altrimenti vince la camorra.

Tratto da FarodiRoma

Vai alla fonte

I migliori libri di Religione e Spiritualità - I miei libri
LibreriadelSanto.it - La prima libreria cattolica online

Ti potrebbe interessare anche:

FarodiRoma – Il matrimonio non è il rimedio della concupiscenza La vicenda di don Gianfranco Del Neso, il sacerdote di Ischia che aspetta un figlio e che per questo non potrà più continuare ad esercitare il ministero, ha suscitato i soliti prev...
Agi – Perché consentire a un sacerdote di sposarsi non risolve i... Non sarebbe meglio che i preti si sposassero piuttosto che rimanere celibi? La domanda torna d’attualità dopo che ieri, a Ischia, un parroco, don Gianfranco Del Neso, viene sospeso...
MIO Anno III n. 41/ DON MAURO LEONARDI PARLA CON I LETTORI – Una... Mauro Leonardi (Como, 1959) è stato ordinato sacerdote dal 29 maggio 1988. Vive a Roma presso l’Elis centro di formazione per la gioventù lavoratrice accanto alla parrocchia di san...
METRO – Occhio alla “dipendenza da bugia” Le bugie “bianche” non esistono. Non esistono bugie innocue, a fin di bene. È vero che non sempre la verità va detta tutta e subito: però va detta sempre tutta la verit...

Info autore: Mauro Leonardi

Mauro Leonardi
Prete, blogger e scrittore

Ti potrebbe interessare:

FarodiRoma – Il matrimonio non è il rimedio della concupiscenza

La vicenda di don Gianfranco Del Neso, il sacerdote di Ischia che aspetta un figlio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.