Desidero chiedere se nella recita del Rosario posso sostituire i miste…

logo amicidomenicani bozza scritte crop


Fonte dell’articolo Amici Domenicani – Autore Padre Angelo Bellon op.

Questo articolo è disponibile anche in:
Italiano

Quesito

Carissimo Padre Angelo,
spero di trovarla bene!
Desideravo chiederle se, oltre ai fondamentali e insostituibili misteri “canonici” del S. Rosario, è lecito meditare/contemplare in aggiunta “altri misteri” (episodi, esortazioni, profezie, parabole ecc.) tratti dall’Antico e dal Nuovo Testamento, da soli o in famiglia.
Ricordandola nella preghiera, la ringrazio e la saluto con affetto!
Leon Battista


Risposta del sacerdote

Caro Leon Battista, 
1. se vuoi recitare il Rosario e prenderne anche quel prezioso frutto che consiste nelle indulgenze, devi menzionare i misteri indicati.
All’interno di quei misteri tu puoi meditare e contemplare qualsiasi altro evento o parola della Sacra Scrittura.
La preghiera del Rosario infatti è molto ampia.

2. Se invece non menzioni i misteri, certamente fai una bella cosa… 
Ma non trattandosi del Rosario vero e proprio, così come è stato indicato dalla Chiesa, non prendi le indulgenze.

3. Non bisogna vedere del semplice legalismo in quanto sto dicendo, ma un tratto materno della Chiesa nei confronti dei suoi figli: ci tiene che tengano a memoria i principali eventi della vita di Gesù perché poi con facilità li possano meditare e mettere in pratica.

4. Ripeto: se non menzioni i misteri, fai una bella cosa.
Anzi se questa meditazione si prolunga per circa mezz’ora, puoi prendere ugualmente le indulgenze.
Ma propriamente parlando non si tratta di Rosario, anche se ne ha somiglianze molto forti.

5. Mi è capitato di partecipare alla preghiera del Rosario fatta in occasione della morte di una persona conosciuta.
Ho sentito il sacerdote che non ha menzionato i misteri previsti, ma li ha inventati lui, neanche con aggancio biblico.
Al posto del mistero parlava dell’amicizia, del lavoro, della solidarietà…
Tutte cose belle. Ma non si tratta del Rosario.
E così le tante persone che vanno in Chiesa raramente e forse solo in occasione del Rosario per un defunto, mentre potrebbero ricordare gli eventi della vita di Gesù, non li sentono neanche menzionare.
Non è un aiuto dato ai fedeli. Non è pastorale.

6. Recitando il Santo Rosario in maniera classica è più facile compiere anche i tre atti che accompagnano la nostra meditazione sui misteri: la ricostruzione dell’evento, rendere grazie al Signore per quanto ha compiuto in quell’evento, domandare grazie in virtù dei meriti procuratici da Gesù con quell’evento.

7. Per tornare a te: menziona i misteri classici. Poi fai le varie letture tratte dalla Sacra Scrittura.  Nella contemplazione che segue ti capiterà di collegare quanto hai letto con gli eventi della vita di Gesù menzionati all’inizio della decina. E scoprirai nuovi tesori.

Ti benedico, ti auguro ogni bene e ti ricordo nella preghiera.
Padre Angelo

Dona

Aiutaci con una donazione, con un tuo piccolo contributo ci aiuterai a mantenere in vita il nostro sito web e ad attivare nuovi servizi. Grazie, Dio ti benedica!

Lode a Te App

Lode a Te App

Lode a Te App è un app semplice che raccoglie articoli, catechesi, video, audio, podcast, in un unica e app completamente GRATUITA! L’app è compatibile con tutti i dispositivi Android

Scarica Lode a Te App per Android

Video Recensione del mio libro

Informazioni su Padre Angelo Bellon op 949 Articoli
P.Angelo Bellon op, docente di teologia morale.