Home / Don Mauro Leonardi / Blog – Sant’Antonio, onomastico e non solo

Blog – Sant’Antonio, onomastico e non solo

Festeggiare il compleanno oppure l’onomastico? C’è ancora qualcuno, in Italia, a porsi questo problema? Penso di no, perché è un problema da gente povera, da gente che vuole fare un regalo ma ne vuole fare soltanto uno per cui deve scegliere. Chi sostiene sia più importante l’uno o l’altro ha tante ragioni a suo favore ma in questo disquisire, in genere, se ne trascura una: che in una civiltà fortemente coesa il giorno del santo è il giorno di tutto il paese, cioè è il giorno di tutti. Non festeggio solo io ma festeggiamo in tanti. E questo è un di più, non un di meno.

A Reggio Calabria, per esempio, è molto sentita la festa del santo di oggi, sant’Antonio da Padova. A questi è dedicato il Santuario di Sant’Antonio che è un’importante chiesa di Reggio Calabria attorno alla quale si è andato formando, nel tempo, il quartiere di sant’Antonio. Lì, oggi e nei giorni precedenti, si festeggia. E festeggiano tutti, questo è il punto. Quando si discetta se sia più importante il giorno della nascita (compleanno) o della nascita al cielo (è l’onomastico, perché è nel battesimo quando viene imposto il nome) ci si dimentica in genere la dimensione sociale della festa.


Sottoscrivi i nostri canali Telegram:

@ilgranellino @lodeate

Per ricevere Il Granellino su Telegram leggi l'articolo dedicato , se invece vuoi ricevere tutti gli articoli del Blog escluso il Granellino leggi l'articolo dedicato.

Quando si dà un nome cristiano ad un bambino, si fa una doppia azione: da una parte si iscrive la vita di quell’individuo nell’ambito di una vocazione a responsabilità personale, dall’altra lo si innesta in una storia. Che parla al presente e che parlerà al futuro poiché affonda le proprie radici nella matrice comune di un popolo. Per tanto, festeggiare l’onomastico è al contempo un momento solenne per riconoscere la dignità e la responsabilità personale nella chiamata del Signore e un momento comunitario tanto che in alcuni luoghi il bambino quando prende il nome viene iscritto ad una confraternita, ad un gruppo di preghiera. In ogni caso, se la società è ancora coesa, quel nome rafforza legami familiari che uniscono le generazioni nello spazio e nel tempo.

Vai alla fonte

I migliori libri di Religione e Spiritualità - I miei libri
LibreriadelSanto.it - La prima libreria cattolica online

Ti potrebbe interessare anche:

FarodiRoma – Francesco e il matrimonio dei giovani. Saper trasfo... Durante la veglia di preghiera di sabato pomeriggio a Roma con 70.000 giovani il Papa parla di sogni. Dice di sognare in tutti i sensi. Non si riferisce solo alle vocazioni al celi...
IlSussidiario – BERTOCCHI-PELLACANI ORO/ Dal trampolino: non sol... Elena Bertocchi e Chiara Pellacani hanno vinto l’oro agli Europei di nuoto in corso a Glasgow nei tuffi sincronizzati dal trampolino dei tre metri. La coppia azzurra ha preceduto n...
Avvenire – E il ricordo si fa oggi Per molti cristiani, le vacanze hanno spesso la componente del ‘fare memoria’. Dopo la giusta presa di distanza dalla vita quotidiana che, magari, ci ha stancato e prosciugato le f...
FarodiRoma – I pomodori di Ciro. Quando i social raccontano l’al... A Scampia, un quartiere dell’estrema periferia di Napoli, Ciro, 14 anni, per aiutare la zia, se ne sta con tre ceste di pomodori all’angolo di una strada per cercare di venderli. N...

Info autore: Mauro Leonardi

Mauro Leonardi
Prete, blogger e scrittore

Ti potrebbe interessare:

FarodiRoma – Francesco e il matrimonio dei giovani. Saper trasformare il sogno in impegno

Durante la veglia di preghiera di sabato pomeriggio a Roma con 70.000 giovani il Papa …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.