Home / Don Mauro Leonardi / Blog – Sant’Antonio, onomastico e non solo

Blog – Sant’Antonio, onomastico e non solo

Festeggiare il compleanno oppure l’onomastico? C’è ancora qualcuno, in Italia, a porsi questo problema? Penso di no, perché è un problema da gente povera, da gente che vuole fare un regalo ma ne vuole fare soltanto uno per cui deve scegliere. Chi sostiene sia più importante l’uno o l’altro ha tante ragioni a suo favore ma in questo disquisire, in genere, se ne trascura una: che in una civiltà fortemente coesa il giorno del santo è il giorno di tutto il paese, cioè è il giorno di tutti. Non festeggio solo io ma festeggiamo in tanti. E questo è un di più, non un di meno.

A Reggio Calabria, per esempio, è molto sentita la festa del santo di oggi, sant’Antonio da Padova. A questi è dedicato il Santuario di Sant’Antonio che è un’importante chiesa di Reggio Calabria attorno alla quale si è andato formando, nel tempo, il quartiere di sant’Antonio. Lì, oggi e nei giorni precedenti, si festeggia. E festeggiano tutti, questo è il punto. Quando si discetta se sia più importante il giorno della nascita (compleanno) o della nascita al cielo (è l’onomastico, perché è nel battesimo quando viene imposto il nome) ci si dimentica in genere la dimensione sociale della festa.


Sottoscrivi i nostri canali Telegram:

@ilgranellino @lodeate

Per ricevere Il Granellino su Telegram leggi l'articolo dedicato , se invece vuoi ricevere tutti gli articoli del Blog escluso il Granellino leggi l'articolo dedicato.

Quando si dà un nome cristiano ad un bambino, si fa una doppia azione: da una parte si iscrive la vita di quell’individuo nell’ambito di una vocazione a responsabilità personale, dall’altra lo si innesta in una storia. Che parla al presente e che parlerà al futuro poiché affonda le proprie radici nella matrice comune di un popolo. Per tanto, festeggiare l’onomastico è al contempo un momento solenne per riconoscere la dignità e la responsabilità personale nella chiamata del Signore e un momento comunitario tanto che in alcuni luoghi il bambino quando prende il nome viene iscritto ad una confraternita, ad un gruppo di preghiera. In ogni caso, se la società è ancora coesa, quel nome rafforza legami familiari che uniscono le generazioni nello spazio e nel tempo.

Vai alla fonte

I migliori libri di Religione e Spiritualità - I miei libri
LibreriadelSanto.it - La prima libreria cattolica online

Ti potrebbe interessare anche:

TuttoJuve – Don Leonardi: “Tifo Milan, ma la Juve vince me... Il presbitero e noto scrittore Don Mauro Leonardi ha inviato una lettera ripresa da Il Faro di Roma riguardo la finale di Supercoppa Italiana. Parlando della sua passione per il ca...
Agi – Se dobbiamo cambiare le password così spesso significa che... Oggi tutti i quotidiani, online o cartacei, chiedono ai propri lettori di cambiare le password ma io non l’ho ancora fatto. Uso tre device, sono su diversi social, ho tre indirizzi...
MIO Anno IV n. 3/ DON MAURO LEONARDI PARLA CON I LETTORI – Il Mi... Mauro Leonardi (Como, 1959) è stato ordinato sacerdote dal 29 maggio 1988. Vive a Roma presso l’Elis centro di formazione per la gioventù lavoratrice accanto alla parrocchia di san...
METRO – Bisogna “essere” genitore, non “farlo Sempre più ci domandiamo in che modo essere autorevoli con i giovani e così entriamo con loro in una continua contrattazione dei confini e delle caratteristiche del nostro ruolo ed...

Info autore: Mauro Leonardi

Mauro Leonardi
Prete, blogger e scrittore

Ti potrebbe interessare:

TuttoJuve – Don Leonardi: “Tifo Milan, ma la Juve vince meritatamente. In Italia anziché apprezzare i migliori li vandalizziamo e insultiamo”

Il presbitero e noto scrittore Don Mauro Leonardi ha inviato una lettera ripresa da Il …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.