Home / Don Mauro Leonardi / Blog – Il Corpo della Sposa, di Michela Occhipinti
don
don

Blog – Il Corpo della Sposa, di Michela Occhipinti

Non è ancora approdato al cinema “Il corpo della sposa”, l’opera prima di Michela Occhipinti presentato nei giorni scorsi alla Berlinale, ma le sue recensioni mi hanno entusiasmato.
Ambientato nella Mauritania di oggi, dove su 4 milioni di abitanti 600mila persone vivono ancora in schiavitù, racconta l’oscena tradizione del gavage, l’ingrasso a tappe forzate a cui vengono costrette le future spose per raggiungere i canoni di “bellezza” richiesti. Per le bambine è un incubo finire nelle strutture dedicate a questa brutale pratica studiata al fine di piacere di più ai maschi. “La dieta giornaliera: 2 chilogrammi di miglio mescolato a due tazze di burro e 20 litri di latte di cammella. E se questa non fosse sufficiente – racconta Angelo Ferrari – si aggiungono ormoni utilizzati in veterinaria. Il concetto è molto semplice: una ragazza magra testimonia la miseria in cui è stata costretta a vivere e non troverebbe mai marito. Una grassa, invece, testimonia l’opulenza della famiglia da cui proviene. E secondo un proverbio mauritano, che diventa drammatica realtà, “una donna occupa nel cuore del marito il posto che occupa nel letto”.
Attraverso il ribaltamento di quanto avviene in occidente dove, per dirla semplicemente, una donna piace tanto più quanto più è magra, ci viene gridato in faccia quanto sia osceno il sopruso di togliere a una donna sé stessa. Da noi si muore di anoressia, in Mauritania la morte prematura arriva per infarti, malattie cardiovascolari, disfunzioni renali e diabete.
Navigando attraverso le recensioni – alcune molte positive, altre meno – ho capito perché “Come ti divento bella”, un film per certi aspetti simile, non mi aveva convinto. La consapevolezza di essere belli infatti non è un’idea che si annida nel nostro cervello per cui, come accade a Amy Beth Schumer, basta una botta in testa per vedersi magri anche se si è grassocci, ma è il posto che troviamo nel cuore delle persone che contano per noi. E così, da una parte o dall’altra, in Mauritania o in Italia, una donna forza comunque la propria alimentazione perché il suo corpo, e quindi lei stessa, aderisca a standard imposti da qualcun altro. Un film quindi che dice la verità su come il gruppo di appartenenza sociale, gli amici, la famiglia, un amore che non è il vero amore, tolga alla donna il controllo della propria vita fino a spingerla a perdere se stessa.


Sottoscrivi i nostri canali Telegram:

@ilgranellino @lodeate

Per ricevere Il Granellino su Telegram leggi l'articolo dedicato , se invece vuoi ricevere tutti gli articoli del Blog escluso il Granellino leggi l'articolo dedicato.

Vai alla fonte

I migliori libri di Religione e Spiritualità - I miei libri
LibreriadelSanto.it - La prima libreria cattolica online

Ti potrebbe interessare anche:

Agi – Il razzismo confortevole e la normalità dei bambini La “storia nella storia” della scampata strage di San Donato Milanese è che i bimbi di seconda generazione, decisivi nello sventare l’attentato, non sono ancora italiani, mentre l...
MIO Anno IV n. 12/ DON MAURO LEONARDI PARLA CON I LETTORI – Anch... Mauro Leonardi (Como, 1959) è stato ordinato sacerdote dal 29 maggio 1988. Vive a Roma presso l’Elis centro di formazione per la gioventù lavoratrice accanto alla parrocchia di sa...
METRO – C’è un’ora segreta attesa dai padri Ieri, per la festa del papà, Google aveva fatto un doodle animato che rimandava ai risultati della chiave di ricerca “Festa del papà 2019”. I modi per dire al proprio padre “ti vo...
Agi – La sacralità del corpo di Giulia Sarti Dopo Tiziana Cantone, la prossima vittima del revenge-porn deve essere Giulia Sarti? È quanto rispondo a chi mi racconta di aver ricevuto nella sua chat di whtasapp foto della dep...

Info autore: Mauro Leonardi

Mauro Leonardi
Prete, blogger e scrittore

Ti potrebbe interessare:

don

Agi – Il razzismo confortevole e la normalità dei bambini

La “storia nella storia” della scampata strage di San Donato Milanese è che i bimbi …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.