Home / Don Mauro Leonardi / Agi – Trecentomila uomini e un tramonto
don
don

Agi – Trecentomila uomini e un tramonto

Vent’anni fa moriva Fabrizio De André e io oggi ho telefonato a un mio amico. Genovese. Perché ho vissuto sei anni della mia vita a Genova e, per coincidenza, nella stessa casa del fratello Mauro, l’avvocato, il brillante professionista. Ma Faber non credeva nelle coincidenze, aveva la passione per l’astrologia e gli oroscopi, per cui provo a guardare questa piccola cosa preziosa come se fosse, per me, non un caso ma una chiamata.
Erano gli anni ’80 e non ho ricordi particolari di lui se non che una volta, si diceva fosse passato da quelle scale con Dory Ghezzi: avevano visto una donna bionda, e di certo doveva essere lei. Quindi l’altro era Fabrizio.
Leggo, vedo e sento tanto in queste ore su di lui, il mitico Faber, ma non mi ci ritrovo nei paroloni. È proprio quello che accade quando scopri che il tuo amico d’infanzia, l’hai perso di vista ed è diventato un premio Nobel. Negli anni ottanta, quarant’anni fa, non ascoltavo De André perché era “anarchico e pacifista” o per le sue idee su Gesù. A quell’epoca avevo già pensato alla possibilità di essere prete ma non lo dicevo. Frequentavo l’università laica, civile, normale. Vivevo a Genova e amavo quei cuori, quei luoghi, quelli celebrati dalla “Litania” di Giorgio Caproni. E ascoltavamo Fabrizio De André e cantavamo Fabrizio De André. La Canzone di Marinella, Geordie, quello “con il privilegio raro di morire impiccato ad una corda d’oro”. E Via del Campo, in ambiente cattolico più citata per “dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fior” che per il meretricio del quartiere Prè.
Fabrizio De André è stato per la mia vita una suggestione come quella dei capelli biondi di Dory Grezzi. Un mistero da dove derivi la certezza di averli incontrati perché i capelli biondi non connotano nessuno: un mistero tuttavia forte come una convinzione che nessuna forza o ragionamento è in grado di scalfire.
Mille, duemila, trencentomila persone vedono un tramonto meraviglioso senza guardarlo, passano accanto a un uccellino morto caduto e calpestato senza fermarsi perché non se ne accorgono. Poi sopraggiunge la trecentomillesima e uno e si ferma. Tocca lieve con la punta della scarpa quel corpicino, si china a guardarlo mentre la folla continua a camminare facendo solo lo sforzo di girare al largo, prende un’aluccia e ricovera il morto sotto una siepe, per celebrare un funerale superfluo per tutti, indispensabile per chi si è fermato. Da questa sosta, nasce l’urgenza. Per me di scrivere, per De André di cantare. Un peso terribile perché si sente il compito di raccontare ai trecentomila che prima sono passati senza fermarsi, quello che non hanno visto, il dovere dell’incanto. Mostrare l’unicità di quello che nessuno ha notato non come un rimprovero ma come un dono. Leggo che Fabrizio De André ha dovuto combattere per molti anni la sua dipendenza dall’alcol. Sono certo di non andare lontano se individuo le ragioni di quella lotta, nello sforzo per sopravvivere al dovere di comunicare, cantandole, cose che nessuno nota. Per palesare quello che a noi tutti era nascosto ma, nonostante ciò, una mattina ce lo siamo trovati sulle labbra e nel cuore. E abbiamo canticchiato per strada.


Sottoscrivi i nostri canali Telegram:

@ilgranellino @lodeate

Per ricevere Il Granellino su Telegram leggi l'articolo dedicato , se invece vuoi ricevere tutti gli articoli del Blog escluso il Granellino leggi l'articolo dedicato.

Tratto da Agi

Vai alla fonte

I migliori libri di Religione e Spiritualità - I miei libri
LibreriadelSanto.it - La prima libreria cattolica online

Ti potrebbe interessare anche:

Avvenire – Papa Francesco e i giovani: gesti sommessi e tonanti Il Papa ha suggellato ieri a Loreto il Sinodo dei vescovi svoltosi a Roma lo scorso ottobre, firmando sull’altare della Santa Casa l’esortazione apostolica Chistus vivit che conse...
IlSussidiario – NEONATO MORTO DOPO CIRCONCISIONE/ Un rito religi... Spesso le tragedie hanno bisogno di poche parole. Un bimbo di cinque mesi è morto nella notte tra venerdì e sabato all’ospedale Sant’Orsola di Bologna dove era arrivato il pomerig...
Agi – Il razzismo confortevole e la normalità dei bambini La “storia nella storia” della scampata strage di San Donato Milanese è che i bimbi di seconda generazione, decisivi nello sventare l’attentato, non sono ancora italiani, mentre l...
MIO Anno IV n. 12/ DON MAURO LEONARDI PARLA CON I LETTORI – Anch... Mauro Leonardi (Como, 1959) è stato ordinato sacerdote dal 29 maggio 1988. Vive a Roma presso l’Elis centro di formazione per la gioventù lavoratrice accanto alla parrocchia di sa...

Info autore: Mauro Leonardi

Mauro Leonardi
Prete, blogger e scrittore

Ti potrebbe interessare:

don

Avvenire – Papa Francesco e i giovani: gesti sommessi e tonanti

Il Papa ha suggellato ieri a Loreto il Sinodo dei vescovi svoltosi a Roma lo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.